Italia

“La Fornero al cimitero”: polemica tra Diliberto e il ministro

Oliviero Diliberto ROMA. “Eravamo lì a protestare a difesa dell’articolo 18 e abbiamo portato la nostra solidarietà ai lavoratori ex Ibm che ci hanno chiamato a gran voce ed esposto il dramma che stanno vivendo”.

Lo afferma Flavio Arzarello, responsabile comunicazione del Pdci e portavoce del segretario che martedì era con Oliviero Diliberto mentre è stata scattata la foto che ritrae il segretario del Pdci con una donna che indossa una t-shirt con la scritta “La Fornero al cimitero”.

“Dopo aver ascoltato le ragioni, i lavoratori hanno voluto fare una foto con Oliviero Diliberto. È evidente che non avevamo minimamente notato lo slogan sulla maglietta ed è altrettanto evidente che la battaglia contro il ministro Fornero la combattiamo sul piano politico e a viso aperto. Non vorrei, però – conclude Arzarello – che qualche messaggio sbagliato e macabro, spostasse l’attenzione dalle sacrosante ragioni dei lavoratori”. “Vorrei tranquillizzare tutti. Ieri la foto in questione, durante il presidio per l’articolo 18, è stata fatta perchè la figlia di quella lavoratrice ha dato un esame all’università con me e ha preso 30”. Lo afferma Oliviero Diliberto, segretario nazionale del Pdci, che prosegue: “È ovvio che non mi ero accorto della maglietta e me ne dispiaccio”.

“Leggo che un ex Ministro della Giustizia ha offerto il suo sorriso partecipe e compiaciuto a fotografi che registravano una manifestazione per la quale lo slogan scelto era: ‘La Fornero al cimitero’. Provo profondo disgusto e sdegno e denuncio l’irresponsabilità di simili comportamenti”, ha detto il ministro Elsa Fornero. “Leggo anche – si legge in una nota del ministro – che lo stesso ex membro del Parlamento italiano richiamava ‘norme di civiltà’ riferendosi all’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Provo profondo disgusto e sdegno e denuncio l’irresponsabilità di simili comportamenti e non soltanto perché mi trovo a essere l’oggetto di questi slogan. Un Paese come l’Italia merita politici in grado di interpretare e guidare con equilibrio e senso dello Stato le istanze dei cittadini. Penso che un ex membro del Parlamento italiano non sia legittimato a parlare di “norme di civiltà” quando adotta simili comportamenti. L’ex deputato ritratto in quella fotografia di certo non era degno di nessuno dei ruoli pubblici ricoperti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico