Cesa

Cimitero, Cesa al Centro: “Chi fraveca e sfraveca nun perde maje tiempo”

 CESA. “Evidentemente qualcuno dormiva durante l’esecuzione dei lavori nel cimitero di Cesa”. Ironica l’associazione Cesa al Centro che segnala alcune carenze nella nuova area del cimitero.

“Dopo aver sollecitato i cittadini a completare in tutta fretta, a fine anno, i pagamenti dei loculi, e aver celebrato in pompa magna l’inaugurazione del cimitero con l’apposizione di tanto di lapide celebrativa, – dicono dal sodalizio – ci si è accorti che parte dei loculi sono sprovvisti di elettricità perché l’impianto non era completo, come si può vedere dalle foto scattate sul posto venerdì scorso, e che i bagni della parte nuova non erano agibili”.

“Un’ulteriore brutta sorpresa – continuano – in una vicenda durata dieci anni e costata ai cittadini più di quanto doveva. Speriamo solo di essere all’ultima puntata di questa costosa sceneggiata e di non dover assistere ad ulteriori colpi di scena. Anche se visti i precedenti, tra abbattimenti e ricostruzioni, quando si tratta del cimitero di Cesa, ci si può aspettare di tutto”.

“E’ vero – concludono – che un detto antico recita che “chi fraveca e sfraveca nun perde maje tiempo”, ma a tutto c’è un limite. Chi ha sbagliato? Chi doveva sorvegliare e non l’ha fatto? Chi ha sborsato dei soldi, merita di ricevere servizi adeguati, oltre alle pubbliche scuse dell’assessore Oliva e dell’amministrazione tutta”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico