Caserta

Baseball: la magica storia di Rennets

 CASERTA. Nel tardo pomeriggiodell’undici marzo scorso, in un ambiente accogliente, dove la perfetta organizzazione dell’associazione Tresart, si è ancora una volta distinta per la sua cordialità, efficienza e disponibilità verso i giovani e lo sport, allestendo la mostra fotografica delle squadre dei Rennets e Des.

Il visitatore entrando veniva come rapito da una atmosfera intrisa di passione e solidarietà, ogni fotografia, era una piccola opera d’arte da cui traspariva la felicità degli sguardi dei giovani, la volontà nel mettercela tutta per far “volare” la pallina, per far “roteare”la mazza con la precisione che scaturisce dopo ore di allenamento, la corsa tra le basi e la presa con quei guantoni che ogni giocatore ha contrassegnato con un simbolo scaramantico.

Il percorso fotografico mostra l’evoluzione storica di ogni ragazzo, i cambiamenti da un anno all’altro, i miglioramenti acquisiti negli schemi di gioco, ma quello che non riesce a far distogliere lo sguardo dell’osservatore dai ritratti è la coesione del gruppo, quell’essere uniti, compatti come se nulla possa mai dividerli, tutto ciò è stato creato dall’amore e dall’abnegazione dei coach Franco D’Abronzo, Giuseppe Mele, Carla Zangri, che sono riusciti ad impartire insegnamenti così nobili ed elevati in dei fanciulli che si sono affacciati quasi per scherzo al baseball; ciò è stato sempre fatto con il sorriso e la bontà che solo un genitore può provare e manifestare nei confronti dei propri figli, si perché gli allenatori vengono visti come delle guide, come una famiglia, infatti i coach hanno creato tra loro e i ragazzi un’intesa e un’empatia, che solo anni di esperienza a contatto con i gruppi sportivi può conferire.

La magistrale bravura del fotografo Pietro Junior Zampella è riuscito a trasformare delle immagini in squarci di vita, da cui ognuno di noi percepisce emozioni presenti e passate, quelle stesse sensazioni di quando praticava uno sport e partecipava ai Giochi della Gioventù, dove l’esito favorevole di una gara, il salire sul tanto sognato podio, ricevere la medaglia e i complimenti di un responsabile del Coni lo facevano sentire migliore, pervaso da una forza interiore; si lo sport è proprio questo formare il proprio carattere e riuscire ad affrontare situazioni complesse con serenità.

L’undici marzo è stato anche un motivo d’incontro per far conoscere a tutti gl’intervenuti i componenti dello staff direttivo: dottor Marco Abate (presidente), ingegner Raffaele Verdicchio, architetto Maurizio morelli (dirigenti), dottor Fortino Sandro (consulente fiscale), ingegner Luciano Verdicchio (web master), professoressa Angela Maccauro (addetto stampa), responsabile settore tecnico-allenatore Giuseppe Mele, Responsabile settore giovanile- tecnico Franco D’Abronzo, Tecnico settore giovanile Yifter Breton.

Ha aperto la riunione il presidente M. Abate, che con parole piene di gioia e di comunicabilità ha esternato i sentimenti che prova nello svolgere questo ruolo e la voglia di vivere che trasmettono i giovani atleti e che ognuno di noi assimila per osmosi, di poi è passato a presentare la campionessa d’Italia della squadra femminile di softball di Caserta, Carlotta Natti, che ha condiviso con noi questi fantastici momenti.

Il dottor Abate ha annunciato le tappe fondamentali delle attività: il 24 marzo ci sarà la festa del baseball presso la Base Nato di Pozzuoli che segnerà l’apertura della fase agonistica, che proseguirà con il campionato regionale. La splendida serata all’associazione Tresart si è svolta tra famiglie, fiere e contente che i propri figli facciano parte del gruppo Rennets, tra un tripudio di espressioni benauguranti che inneggiavano al prosieguo di una lunga e prospera vita di squadra.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico