Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Banconote false da 20 euro: “joint venture” casalesi-foggiani

 CASALE. Una “joint venture” tra esponenti della mafia foggiana e del clan dei Casalesi per la stampa di banconote false da 20 euro.

E’ quella al centro dell’operazione, eseguita dalla Guardia di Finanza, che lunedì mattina, a Foggia, ha portato all’arresto di dieci persone accusate di falsificazione di moneta, furto e ricettazione.

Le indagini sono state coordinate dalla capo della procura della Dda (Direzione distrettuale antimafia) di Bari, Antonio Laudati, dal sostituto Giuseppe Gatti e dai sostituti Francesco Giannella e Michele Ruggiero della procura di Trani. Secondo gli inquirenti, sarebbero stati i casalesi ad “appaltare” la realizzazione dei falsi ai foggiani.

L’inchiesta ha fatto venire alla luce i rapporti d’affari fra gli esponenti del clan dei Casalesi, rappresentati da Angelo D’Errico, parente del noto boss Luigi Venosa, soprannominato “Giggin ‘o Cucchiere”, e quelli della mafia del capoluogo dauno capeggiata da Savino Ariostini e Massimiliano Cassitti.

Il gruppo si sarebbe occupato anche del furto di rame della Ferrovie dello Stato e della relativa rivendita. Oltre agli arresti, le fiamme gialle hanno eseguito sequestri per 1,5 milioni di euro.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico