Napoli Prov.

Usura, operazioni della Guardia di Finanza tra Casalnuovo e Salerno

 NAPOLI. Interessi del 300 per cento, un finta compravendita per coprire la truffa, la complicità di un avvocato e una casalinga.

Avevano pensato a tutto Bruno Perna e Pietro Feliciello, rispettivamente assessore ai lavori pubblici del comune di Casalnuovo e ex assessore alla nettezza urbana, arrestati nel corso di un’operazione della guardia di finanza, avevano architettato tutto senza considerare l’ipotesi che la loro vittima li avrebbe potuti denunciare. A segnalare la truffa alle forze dell’ordine un calciatore che si era rivolto al gruppo per ottenere un prestito di 25mila euro.

A scoprire il complicato quadro indiziario i militari della Compagnia di Casalnuovo (diretti dal capitano Giuseppe Di Stasio e coordinati nelle indagini dal Gruppo di Torre Annunziata e dalla Procura di Nola). In carcere da ieri l´assessore Pdl, Bruno Perna, affermato ginecologo dell´Asl. Ai domiciliari invece Pietro Feliciello, ex consigliere e assessore a Casalnuovo, Assunta Cantone, casalinga e Francesco Molaro, avvocato di Marigliano.

Sequestrati beni per un valore di 620mila euro. Accusati di usura anche i nove soggetti arrestati dalla guardia di finanza di Camerota, coordinati dal Procuratore della Repubblica di Vallo della Lucania Il meccanismo usuraio, in linea generale, era sempre lo stesso: a fronte della somma erogata il soggetto “strozzato” emetteva e/o sottoscriveva titoli post-datati, il cui importo copriva anche gli interessi usurari maturati, a partire dal 7% mensili con punte del 186,70% su base annua.

Gli uomini delle fiamme gialle hanno inoltre sequestrato 2 villaggi turistici per un valore complessivo di 3 milioni di euro, 2 locali commerciali, un appartamento, 2 mansarde e un lastrico solare, per un valore complessivo di 1 milione di euro.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico