Orta di Atella

8 Febbraio: successo per la Giornata della Legalità

Eduardo IndacoORTA DI ATELLA. Ha ottenuto il successo previsto l’iniziativa promossa dall’assessore alla cultura e legalità Eduardo Indaco, svoltasi all’interno dell’aula consiliare mercoledì 8 febbraio.

Assente don Luigi Merola che, però, in una nota ufficiale, ha comunque espresso volontà a voler incontrare gli studenti ortesi che avevano letto il suo libro “Il cancro sociale: la camorra”. Assente anche il giornalista Simone Di Meo perché influenzato. Più di cento ragazzi provenienti dalle elementari guidate dottoressa De Marco, dalle medie guidate dalla dottoressa Del Prete e dall’Itg Gallo guidato dalla dottoressa Teresa Commone, hanno animato la mattinata con l’entusiasmo tipico dei giovanissimi, interagendo con numerose domande, dubbi e anche provocazioni ai presenti al tavolo dei relatori.

Protagonista il dottor Giuseppe Iannini, autore del libro “Napoli in cronaca nera”, edito da Newton Compton, un racconto vissuto dall’interno dallo stesso che ha davvero rapito l’attenzione dei ragazzi, desiderosi di essere soddisfatti nelle loro curiosità sul tema. A moderare è stato Samuele Ciambriello, giornalista e docente universitario. Sono intervenuti, inoltre, il sindaco Angelo Brancaccio e l’assessore Indaco per i saluti istituzionali, e Gimmi Cangiano come presidente dell’associazione “416 bis-Generazione anticamorra”, nata da poco che vede come soci fondatori cento giovani della Provincia di Caserta uniti dallo stesso ed unico intento, dire ‘No alla camorra’. Presente anche Gregoire Deniau, giornalista francese del settimanale L’Enpansion. Una particolare attenzione ha attirato il docente del dipartimento Rischi Criminali dell’università Edhac, Bertrand Monnet, il quale avendo girato tutto il mondo, ha lasciato dei messaggi per i giovani che sono sicuramente rimasti scolpiti in ognuno dei presenti, sottolineando che ogni Paese ha purtroppo le proprie realtà, i propri problemi, ma non per questo va discriminato o amato di meno.

 “Al di la di qualche sterile strumentalizzazione inopportuna – afferma Indaco – data l’importanza dell’iniziativa e del tema soprattutto, un tema che non conosce colore politico ma intorno al quale si dovrebbe unicamente convergere tutti, devo ringraziare tutti coloro che hanno permesso la perfetta riuscita di questo evento, da ripetersi al più presto, tra cui il sindaco, la maggioranza e il dottor Iannini grazie al quale abbiamo avuto l’onore di ospitare una tv francese e relatori di alto spessore socio-culturale. E’ mia volontà portare avanti questo tipo di manifestazioni tese a creare una forte sinergia tra scuole ed istituzioni. Scuole che fortemente ringrazio per l’appoggio e la sensibilità mostrata sia dalle dirigenti che dalle insegnanti .Ma un grazie in particolare va ai tantissimi ragazzi che hanno partecipato. L’impegno sarà di coinvolgerli sempre e continuare in questo tipo di collaborazione che arricchisce tutti. Ora, con la Commissione Cultura abbiamo intenzione di organizzare altri due eventi con alcuni scrittori locali mentre ho già cominciato a lavorare per la formazione di una Commissione Comunale per le Politiche Giovanili e Legalità da poter affiancare alle Commissioni esistenti (Cultura, Pari Opportunità e Ambiente) alle quali dobbiamo la stragrande maggioranza dei nostri successi perché è grazie a queste persone che gratuitamente lavorano al nostro fianco ,che riusciamo ad essere lungimiranti su tanti temi e problemi che da soli forse non riusciremmo a vedere”.

“Nei prossimi giorni – conclude – mi adopererò per contattare i tanti giovani presenti sul territorio che hanno voglia di dare un contributo al sottoscritto e a questa Amministrazione per poter formare questo nuovo gruppo di lavoro che dia voce tutte le problematiche giovanili e non solo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico