Italia

Redditi ministri: Severino la più ricca

 ROMA. Il presidente del Consiglio, Mario Monti, lo aveva annunciato qualche giorno fa: “Da martedì redditi on line dei ministri”. Detto fatto.

Dalla prime ore di martedì, i redditi dei ministri sono on line sul sito del ministero di via Arenula e in poche ore hanno già fatto il giro della Rete, suscitando non poche polemiche. La più ricca risulta essere la Guardasigilli, Paola Severino, che ha dichiarato di aver guadagnato come avvocato, nel 2010, 7.005.649 euro, pagando però 4 milioni di tasse, mentre come titolare della Giustizia riceverà quest’anno 195.255,20 euro.

Ha due auto e due appartamenti, uno a Roma, l’altro a Cortina, mentre un altro, sempre nella Capitale, è in comproprietà. “Si deve dire che chi guadagna e paga le tasse non è un peccatore, e va guardato con benevolenza, non con invidia”, ha commentato l’interessata, certo dimenticando che le tasse le pagano anche quelli che percepiscono mille euro al mese con tanto di affitto da pagare e figli da mantenere e, quindi, la cosiddetta “invidia” ci sta tutta.

Filippo Patroni Griffi, ministro della Pubblica amministrazione, ha dichiarato redditi per 504mila euro riguardo ai compensi percepiti nel 2010. Come ministro percepisce un reddito annuo di poco meno di 206mila euro. È presidente del comitato di sorveglianza gruppo Morteo Spa in amministrazione straordinaria e come tale percepisce 12.395 euro all’anno. I

l ministro dell’InternoAnna Maria Cancellieriha, invece, un reddito complessivo annuo lordo di 183.084,35 euro. Segue una lunga lista di beni immobili: 13 fabbricati e 11 terreni. Una Toyota Land Cruiser e azioni della Banca Popolare di Vicenza.

Il ministro dell’istruzione,Francesco Profumo,nel 2012 riceverà per il suo incarico 199mila euro lordi. È in aspettativa non retribuita da professore al Politecnico di Torino. E nel 2010 dichiarava un reddito lordo di 227 mila euro. Profumo possiede 7 tra proprietà e comproprietà di immobili ad Albissola Mare (Savona), Savona e Torino, oltre ad azioni di Intesa, Monte dei Paschi, De Longhi, Enel, Telecom Italia, Unicredit e Finmeccanica.

Il ministro dello Sviluppo economico,Corrado Passera,ha dichiarato nel 2011 un reddito complessivo, relativo al 2010, di 3.529.602 euro, e ha segnalato, tra l’altro, una partecipazione per 1,9 milioni di euro nella Lariohotels più altri 3,1 milioni nella stessa società, ma in nuda proprietà. Inoltre, ha azioni per 1,6 milioni nella Immobiliare Venezia Srl.Passera possiede anche un fabbricato di 141 metri quadrati a Parigi e un terreno di 3.220 metri quadrati a Casale Marittimo, in provincia di Pisa. Per il prossimo anno, il reddito si prevede in calo: come ministro Passera guadagnerà 189.767 euro lordi più 42mila di diaria, per un totale di circa 230mila euro.

Del governo Monti, sul sito del ministero mancano al momento ancora le dichiarazioni patrimoniali di Elsa Fornero e dello stesso Monti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico