Italia

Olimpiadi, ufficiale: Monti dice no a Roma 2020

Monti e AlemannoROMA. E’ negativo il parere di Mario Monti sulla candidatura di Roma a sede delle Olimpiadi del 2020. Secondo il premier l’Italia non può permettersi questo “lusso”.

Dall’incontro di martedì con il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, i presidenti del comitato organizzatore, Gianni Letta e Mario Pescante, e quello del Coni, Gianni Petrucci, Monti ha fatto sapere che è il primo a credere che l’organizzazione di un’Olimpiade può rappresentare una grande occasione di sviluppo (170mila posti di lavoro nell’arco di 14 anni e una crescita del Pil dell’1,4 per cento, secondo una relazione di compatibilità). Ma non in questo momento e non a queste condizioni.

Si stima siano necessari 9,8 miliardi, di cui, 4,7 finanziati con fondi pubblici. E per Monti, che da giorni soppesa i costi (certi) e gli incerti benefici in fatto di crescita e sviluppo, è improponibile la garanzia dello Stato per la spesa pubblica prevista e l’eventuale sforamento. Del resto, Atene 2004 insegna che le Olimpiadi sono sì una grande occasione, ma anche un grande rischio. Non a caso, è stato proprio con i Giochi che la Grecia ha fatto il primo passo verso il default. Anche Londra, quest’anno città olimpionica, ha visto raddoppiare le sue previsioni di spesa.

La mancata firma della lettera di impegno economico da consegnare al Cio entro mercoledìfa quindi decadere la candidatura della Capitale italiana. Restano in corsa Madrid, Tokyo, Istanbul, Doha e Baku. La scelta verrà fatta a Buenos Aires il 7 settembre 2013.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico