Italia

Leader dei No Tav giù da un traliccio: è in coma

Luca AbbàVAL DI SUSA. “Mi sono arrampicato sul traliccio dopo essere sfuggito ai controlli, la situazione è tranquilla e non vedo violenze. Mi sono riuscito a svincolare. Mi guardavano attoniti. Gliel’ho fatta sotto il naso un’altra volta”.

Sono state queste le ultime parole di Luca Abbà, 37 anni, leader storico del movimento “NoTav”, mentre era in collegamento telefonico con Radio Blackout prima di cadere nel vuoto. Secondo una prima ricostruzione, mentre a Chiomonte erano iniziati i lavori per l’ampliamento del cantiere per il tunnel dell’Alta velocità Torino-Lione, Abbà è salito su un traliccio dell’alta tensionesituato vicino alla “baita Clarea”.

Dopo essersi arrampicato per una quindicina di metri, il leader storico del movimento No Tav avrebbe superato l’area di sicurezza dello stesso traliccio, nonostante i ripetuti inviti rivoltigli dalle forze dell’ordine a desistere dall’iniziativa e a mettersi al sicuro. Ripetuti inviti a scendere, sia da personale in abiti civili che da personale specializzato, sono stati rivolti ad Abbà, che, invece, continuava a restare sul traliccio.

La polizia ha fatto avvicinare al traliccio anche un altro attivista del movimento “No Tav”, già presente al presidio Clarea, per invitare nuovamente il manifestante a scendere. Mentre il leader storico del movimento si diceva pronto ad appendersi ai fili della corrente pur di bloccare i lavori di ampliamento in Val di Susa, è stato raggiunto da una scarica elettrica che lo ha fatto precipitare al suolo a dieci metri di altezza.

Soccorso dalle forze dell’ordine, è stato immediatamente trasportato in elicottero al Cto dell’ospedale piemontese. Le sue condizioni sarebbero gravissime,in serata verrà trasferito in terapia intensiva. E’ stato sedato e intubato. Nel luogo dove è avvenuto l’incidente è in corso un ampliamento del cantiere ed è stata individuata come“area d’interesse strategico nazionale”in base alle indicazioni del Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe). All’interno di quesa zona è compresa anche la baita della Clarea, luogo simbolo della protesta del popolo “No Tav” che, da anni, si oppone alla realizzazione dell’Alta velocità.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico