Italia

Concordia, la biancheria di Domnica nella cabina di Schettino

Francesco Schettino e Domnica CemortanGROSSETO. Con il trascorrere delle ore si aggiungono nuovi particolari sull’interrogatorio fiume, durato circa 7 ore, della moldava, Dominca Cemortan, avvenuto mercoledì a Grosseto sul naufragio della Costa Concordia.

Particolari sui quali gli inquirenti avevano tenuto uno stretto riserbo, come gli abiti, la biancheria, effetti personali e un beauty case, appartenenti alla 25enne, ex ballerina della Costa, ritrovati dai sommozzatori nella cabina del comandante, Francesco Schettino. Ed è proprio su questi oggetti rinvenuti e altri particolari che i pm si sono concentrati durante l’interrogatorio di mercoledì. Alla domanda sul perché ci fossero suoi effetti personali nella cabina, la Cemortan avrebbe così risposto agli inquirenti: “Sulla nave ero amica di tutti”.

La giovane donna sembra abbia dato risposte ritenute “interessanti” anche sulle motivazioni della sua presenza in plancia e sul rapporto con Schettino. “Si è vero, sono innamorata di Schettino”, avrebbe confessato, con gli occhi appena abbassati, ma con voce decisa. “E’ vero, quella notte era in plancia”, conferma la 25enne. Per tutto l’interrogatorio la ragazza ha difeso l’operato di Schettino, paragonandolo ad un “eroe”.

Domnica, salita sulla Concordia con regolare biglietto, a differenza di quanto si era detto nelle prime ore, parla di Schettino come di un uomo “pronto a fare il possibile per salvare i passeggeri. Si sono accaniti contro di lui. Lo amo, non è giusto rovinare la sua immagine”.

Nel frattempo, sul fronte delle indagini, il procuratore capo di Grosseto,Francesco Verusio, sta ascoltando tanti testimoni. “Sono tante – dice – e ora bisogna vedere come si incastrano tra loro”. Due giorni fa è stata la volta dell’interrogatorio diMaurizio Ferrarini, responsabile dell’unità di crisi della Costa. Schettino quella notte fece circa cento telefonate a Ferrarini, e sull’ipotesi che quest’ultimo non avesse captato la gravità della situazione dice: “Mi disse della collisione ma era molto tranquillo, non accennò al rischio naufragio, tanto che rimasi sorpreso quando alla fine mi comunicò l’abbandono della nave”.

.

Naufragio Concordia, playlist video

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico