Caserta

Unicef Caserta, presentato rapporto annuale 2012

Emilia NarcisoCASERTA. Il comitato provinciale Unicef di Caserta, presieduto da Emilia Narciso, ha presentato martedì 28 febbraio, in concomitanza col resto d’Italia, il rapporto globale annuale che, per quest’anno, l’Unicef ha dedicato a “La Condizione dell’infanzia del mondo” …

… ed a quei “Figli delle città” che proprio nei luoghi dove il benessere appare più trionfante vedono ignorati e calpestati i propri diritti fondamentali.

La presidente ha partecipato in mattinata ad una manifestazione organizzata all’istituto comprensivo “San Giovanni Bosco” di Portico di Caserta ed ha consegnato il rapporto nelle mani di Raffaello Magi, giudice estensore della sentenza Spartacus contro il clan dei Casalesi. Narciso ha illustrato anche quello che rappresenta il rapporto dell’Unicef 2012 (giunto alla 33esima edizione).

“Le città crescono, – ha spiegato la presidente Unicef – diventano megalopoli (ben 21 superano oggi i 10 milioni di abitanti, ndr) e nelle città crescono i bambini: oltre un miliardo di esseri umani tra 0 e 18 anni vivono in ambiente urbano e il loro numero sale a dismisura per effetto di un’urbanizzazione ormai inarrestabile. Per molti la metropoli è garanzia di protezione, benessere, istruzione e accesso ai servizi sociali. Ma per centinaia di milioni la realtà urbana è quella degli slum, del lavoro precoce, delle carenze dei beni più essenziali: acqua potabile, fognature, scuola, cure mediche e sicurezza”.

Ecco perché quest’anno, accanto alle attenzioni dedicate ai bambini del Terzo Mondo, si è voluto accendere un riflettore anche su coloro che crescono in un ambiente ritenuto “moderno”, ma che, in realtà, in troppe occasioni, dimostra di non essere a misura di bambino.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico