Aversa

Gd: “Chi vuole riproporsi agli elettori illustri cosa ha fatto per Aversa”

Pasquale FiorenzanoAVERSA. “Un’alternativa a quest’amministrazione comunale deve essere necessariamente possibile. Non può essere, infatti, solo una speranza”. Lo afferma Pasquale Fiorenzano, segretario dei Giovani Democratici di Aversa.

“Non può essere solo un presupposto. – continua l’esponente del movimento giovanile del Pd – Deve essere l’idea che deve muovere gli animi dei dirigenti dei partiti, dei militanti, dei simpatizzanti e anche di coloro che non rispecchiandosi in un’identità partitica hanno scelto il percorso dell’associazionismo. Impossibile pensare che dopo le future elezioni alla guida della nostra città ci saranno le stesse persone di oggi, persone che paradossalmente si propongono alla cittadinanza come il nuovo che avanza. Aversa è un Comune di una bellezza e di una ricchezza culturale incredibile. Noi dei Giovani Democratici ci rifiutiamo di vedere che vegano spesi dei soldi per i ‘Cugini di Campagna’ e non vengano invece incentivati e aiutati i gruppi musicali giovanili locali. Ci indigniamo quando ci rechiamo nella Biblioteca Comunale e notiamo una struttura incompleta, dove i riscaldamenti non funzionano e dove non esistono mezzi di accesso per i disabili. Ci indigniamo quando da mesi sappiamo della mancanza del certificato anti-mafia per la società dei parcheggi e vediamo l’amministrazione non aprire nuovo bando. Ci indigniamo quando osserviamo le case popolari e vediamo come sono ridotte le strade e gli spazi per i bambini e i giovani di quelle zone. Ci indigniamo quando vediamo sorgere ben due centri universitari al centro della nostra cittadina e non vediamo un minimo segnale da parte dell’amministrazione di integrazione attiva nel territorio”.

“Non ci stiamo in nessun modo che persone che hanno contribuito a tale scempio oggi si propongono alla guida della città. – incalza Fiorenzano – Infatti, con tale documento intendiamo esortare alla compattezza di tutti i partiti e le associazioni che nei contenuti e non sui nomi dissentano dall’operato di quest’amministrazione all’elaborazione di un tavolo comune e soprattutto di un programma di ringiovanimento comune”.

Infine, il segretario dei Gd si fa portavoce di una proposta del suo movimento: “Coloro che intendono ricandidarsi, e coloro che intendono quindi riproporsi alla guida della nostra città, ci presentino un resoconto sulla loro consiliatura, illustrandoci interventi, iniziative, mozioni, progetti e tutto ciò che li ha riguardati. Speriamo di essere contraddetti ma sappiamo che difficilmente qualcuno accoglierà il nostro invito”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico