Esteri

Finita l’era di Megavideo?

MegavideoWASHINGTON. In America è tempo di “pulizie”. Sì, perché, nonostante sia stata rinviata al Senato la votazione sulla legge contro la pirateria, i due colossi, Megavideo e Megaupload, dai cui siti finora era stato possibile vedere gratis film in streaming, sono stati chiusi dagli agenti americani dell’Fbi.

La federal bureau of investigation si è infatti scagliata contro la pirateria online, niente più download di file protetti da copyright. Un’industria, quella di Megavideo, che era stata in grado di mettere in difficoltà Hollywood e le sue strapagate stelle. Gli autori del visitatissimo sito sono stati dunque accusati di aver causato circa 500 milioni di dollari di danni ai detentori dei copyright, a fronte di un guadagno di circa 150 milioni.

In particolare, colui che ne è considerato il fondatore, Kim Schmitz, conosciuto anche come Kim “Dotcom”, è stato arrestato in Nuova Zelanda, nei pressi di Auckland, la notte prima del suo 38esimo compleanno. Le autorità neozelandesi hanno fatto irruzione nella sua lussuosissima casa da circa 30 milioni di dollari neozelandesi (18 milioni di euro). Schmitz si sarebbe barricato in casa, attivando una serie di misure di sicurezza elettroniche. Forzato l’ingresso, gli agenti si sono trovati di fronte all’imputato armato, il quale però senza ulteriore resistenza si è lasciato ammanettare.Dall’abitazione, come dimostra un video trasmesso dalla tv neozelandese, sono state portate viauna Cadillac rosa ed una Rolls-Royce, mentre sui conti correnti sono stati congelati circa8 milioni di dollari.

Nonostante la spettacolarità dell’intervento delle forze dell’ordine, l’azione non è particolarmente piaciuta ai regolari fruitori del sito né ai soci premium (una sorta di abbonati) che si sono scagliati contro la sua chiusura con appelli e gruppi anche su Facebook. Megaupload ha respinto tutte le imputazioni, dichiarando in un recente comunicato stampa “infondate le accuse” in quanto “la maggior parte dei contenuti pubblicati è legale”. Intanto, chiusi i due colossi, prosegue comunque il “mercato” di film pirata. In effetti, non è difficile trovare su internet siti che propongono file in streaming. Rimane solo da capire se l’era di Megavideo sia davvero finita e chi sarà eletto suo successore.

di Achille Aurisicchio

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico