Sant’Arpino

Capasso “Basta a questa eterna campagna elettorale”

Ernesto CapassoSANT’ARPINO. “Gli ultimi due documenti prodotti nei giorni addietro da maggioranza ed opposizione mi lasciano intravedere uno spiraglio di luce nel confronto politico cittadino”.

Così il capogruppo consiliare di “Alleanza Democratica per Sant’Arpino, Ernesto Capasso, che sottolinea “come finalmente pare si stia ritornando a parlare di contenuti mettendo da parte la mera propaganda politica. Voglio proprio partire dall’ultimo volantino diffuso dal Partito Democratico nel quale si poneva l’accento su tematiche quali il Piano Casa, la Gestione della Multiservizi, la riscossione dei tributi e via discorrendo. Ebbene tralasciando per un momento i contenuti mi sembra doveroso rimarcare come si torni a parlare di problematiche inerenti la gestione quotidiana della macchina comunale e soprattutto che riguardano da vicino la vita dei nostri concittadini. Ebbene credo che questo possa rappresentare un vero e proprio spiraglio nella contesa democratica locale, troppo spesso incentrata su personalismi che bypassano i contenuti.

E affrontando alcune delle tematiche oggetto del menzionato volantino debbo rimarcare come gli amici del Pd sul Piano Casa sbaglino in quanto questo provvedimento ha visto la luce all’indomani di una proficua e laboriosa discussione in seno alla Commissione Lavori Pubblici e Urbanistica da me presieduta che ha visto l’intervento di tanti autorevoli esponenti a cominciare dall’assessoreElpidio Iorio, e a nome dell’opposizione, dall’ex sindaco Giuseppe Savoia. La stessa Commissione ha dato mandato agli organismi di governo cittadini di porre in essere i relativi atti consequenziali, che, lo ricordo, sono pubblici e quindi facilmente valutabili ed emendabili. Proprio in virtù dell’approvazione del Piano Casa si è deciso anche di ridiscutere le linee essenziali del vigente Piano Regolatore Generale, alquanto obsoleto e che penalizza i residenti della Zona Castellone e i piccoli proprietari.

Un riassetto definitivo del nostro territorio che non può non far registrare anche il contributo sia dell’opposizione che delle forze sociali. A questo rinnovo l’invito ai componenti di partecipare ai lavori della Commissione Edilizia e lavori pubblici che si incentrerà sulle modifiche al Regolamento Edilizio. Del resto solo un franco e costruttivo confronto sui contenuti può riabilitare in tutto e per tutto la nostra classe politica che da troppo tempo, a mio avviso, si va perdendo dietro sterili chiacchere, demagogia e strumentalizzazioni, e ancora più inutili polemiche fatte di personalismi e molto spesso di infimo livello.

Tutto questo non giova di certo alla nostra credibilità agli occhi dei nostri concittadini e la cosa che fa più male è registrare che tutto ciò si sta verificando proprio a Sant’Arpino da sempre vero laboratorio politico e sociale dell’intera provincia di Terra di Lavoro. Ed solo e solamente questo il disagio che provo, e cioè vedere scadere in tal modo il confronto politico. Se questi sono mal di pancia, ebbene sì ho i mal di pancia perché ho sempre creduto nel dialogo, credo gli stessi mal di mancia di ravvisano sia a destra che a manca.

Non nascondo di essere stato più volte anche io stesso protagonista, durante la passata, di questo tipo di dibattitto, spesso andato sopra le righe e sfociato spesso in procedimenti nati da querele che tuttavia non hanno riguardato solo il sottoscritto ma tutti i protagonisti della vita politica locale.

Ma ormai è arrivato il momento di voltare definitivamente pagina e scrivere la parola fine su questo clima da perenne campagna elettorale, anche perché se tutti vogliamo contribuire alla crescita del nostro paese, pur nella distinzione dei ruoli, che devono essere rispettati, non possiamo fare altro che discutere nel merito degli argomenti, attraverso il confrontocontinuo.

Spero che questo mio ennesimo invito sia recepito da tutti i protagonisti del dibattito politico e sociale e che Sant’Arpino, in un momento tanto duro per la nostra Nazione, nel suo piccolo torni ad essere un modello dove far vivere quotidianamente la Politica con la P maiuscola e iniziare a dare un esempio comportamentale che valga un po’ per tutti a partire certamente da chi ha responsabilità politiche sia di maggioranza che di opposizione”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico