Orta di Atella

Sel: Roseto, Barone, Lavino e Santillo si sospendono dal partito

 ORTA DI ATELLA. Arcangelo Roseto, Massimo Barone, Carmine Lavino e Giuseppe Santillo non rinnovano l’iscrizione a Sinistra Ecologia e Libertà “per il passivo silenzio degli organi nazionali rispetto a proposte di epoca fascista …

… come leggi speciali o divieto di manifestare il dissenso che ricadrà anche sui movimenti di protesta legittimi e democratici, come la negazione della manifestazione Fiom”. “In un particolare momento, – continuano in una missiva indirizzata alle segreterie regionali e provinciali – in cui sono completamente annullati i diritti all’esistenza dei pochi lavoratori non ancora licenziati o in cassa integrazione, la politica continua a non prendere coscienza: che migliaia e migliaia di famiglie vivono la fame senza nessuna possibilità e speranza per il futuro a partire dalla nostra Regione e in particolare nella provincia di Caserta; che l’intero apparato industriale della Provincia di Caserta sono rimasti mille ex lavoratori in cigs in deroga con 450 euro al mese altri licenziati e uno sparuto numero che tenta di lavorare tra contratti di solidarietà, cassa integrazione e la speranza di trovare lavoro in nero; che ai veri ammalati è diventato impossibile curarsi; che i giovani non hanno prospettive per il futuro. Mentre, governatori e amministratori continuano a sperperare danaro pubblico, fare clientele senza porre alcuna attenzione ai problemi del lavoro e delle famiglie che, nella stragrande maggioranza, sopravvivono senza alcun reddito, aiutati dalle famiglie e alla disperazione più totale”.

“Pertanto, – concludono – riteniamo, che con queste prospettive, la sinistra non può consentire passivamente al governo Berlusconi di ignorare completamente tali problemi e limitare con artifizi legislativi divieti di manifestazioni democratiche per la difesa dei diritti e proteste contro amministratori pubblici corrotti e collusi”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico