Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Dissesto, i vendoliani alla maggioranza: “Dimettetevi”

A. FontanaCASAL DI PRINCIPE. “Dopo aver imboccato il tunnel buio del fallimento economico-amministrativo, il sindaco Martinelli, da buon berlusconiano, dichiara e promette la ‘rinascita della città dalle sue ceneri’.

Se la situazione non fosse drammatica, potremmo anche ridere di questa ‘battuta’ ma è opportuno ricordargli, innanzitutto, che nelle sue dichiarazione anche in Consiglio comunale, ha taciuto colpevolmente sulla sua responsabilità politica, nell’accumulo dei 16,3 milioni di euro, per debiti fuori bilancio”. Lo afferma, in una nota, A. Fontana, responsabile del circolo di Sinistra Ecologia e Libertà.

“Chi non conoscesse la vicenda dell’amministrazione casalese dei precedenti 15 anni, – continuano i vendoliani – tutta segnata dal dominio del centrodestra cosentiniano, potrebbe pensare che il dottor Martinelli fosse altrove in questo lungo periodo del disastro economico del nostro Comune. In realtà l’attuale capo della giunta, è uno dei primi esponenti storici di Fi, da molti anni consigliere comunale, già sindaco di Fi, poi assessore ai lavori pubblici nella precedente giunta di centrodestra, con i soliti alleati ‘variabili’ Udc e Udeur. Oggi, il dottor Martinelli, berlusconiano di ferro, in disaccordo con altri nel Pdl, guida una maggioranza precaria (11 su 20 consiglieri) formatasi con un raggruppamento civico/ misto, sempre di centrodestra, che alla fine chiude, e speriamo concluda il ciclo, con questo fallimento politico amministrativo/finanziario che solo il sindaco stenta a vedere”.

“Il direttivo di Sel – aggiunge Fontana – pensa che si sta facendo un grave torto ai cittadini di casale, anche a quelli che hanno contribuito al deficit, evadendo le tasse comunali, non informandoli che da oggi hanno un altro debito complessivo di più di 16 milioni di euro, che ricade sulla città e comporta l’inasprimento delle tasse, la riduzione dei servizi sociali, l’impossibilità di spendere per strutture e lavori di miglioramento del paese. L’ente è commissariato per la gestione finanziaria e del personale: la giunta, a nostro avviso, non è in grado di mettere in campo un programma di rigore e di risparmio di spese correnti eccessive e inutili. Se è vero che i consiglieri comunali eletti, in parte per rapporti di tipo clientelari, non possono coesistere con una sana amministrazione, allora invitiamo il sindaco Martinelli e chi lo supporta, a fare l’unica cosa utile in questo momento: dimettersi”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico