Aversa

Menditto: “Riservare assessorato a Ciaramella in prossima amministrazione”

Luigi MendittoAVERSA. “Dobbiamo incontrarci, vederci e parlarci, ma nelle sedi preposte dove si fa politica, ovvero nelle sedi dei partiti”.

Questo l’invito del consigliere comunale e provinciale dell’Udc Luigi Menditto, che spiega: “Mancano circa sette mesi all’appuntamento elettorale per il rinnovo del consiglio comunale, penso, quindi, che i tempi siano maturi per parlare della coalizione e del candidato sindaco. Ma tutto ciò deve avvenire nelle sedi preposte a farlo, ovvero nei partiti”.Un monito quello del consigliere centrista: “Bisogna riportare la politica nei partiti e far riavvicinare la gente ad essi. Questo può avvenire solo se eliminiamo in partenza quella miriadi di liste civiche di cui si sente tanto parlare già da tempo. Le civiche – continua Menditto – non posso che fare male alla politica”.

L’esponente del partito di Casini, poi, lancia una proposta: “Tra l’attuale maggioranza, che poi dovrebbe anche essere la prossima coalizione, lancio una proposta, o meglio un patto. Un patto tra galantuomini. Questo patto – spiega Menditto – consiste nel considerare la giunta formata da sette elementi e non da otto. L’ottavo assessore, infatti, a mio parere dovrebbe essere l’attuale sindaco, Mimmo Ciaramella, colui che per ben dieci anni ha guidato la città di Aversa, colui che ha saputo tener unita sempre e comunque la coalizione. Un uomo da cui, noi giovani consiglieri, abbiamo imparato molto e che la sua esperienza e le sue capacità potrebbero non far che bene alla prossima amministrazione comunale”.

Questal’idea del consigliere Menditto. Ma chissà se tutti i partiti, al di là dell’Udc, siano d’accordo. Anche perché bisogna tener presente che il prossimo Consiglio comunale sarà composto da 24 consiglieri e non più da 30 e, conseguentemente, l’esecutivo sarà formato non più da dieci assessori più sindaco, bensì solo da otto. E secondo la proposta di Menditto i partiti dovrebbero trovare un accordo solo per sette assessori perché uno dovrebbe essere ‘riservato’ a Ciaramella.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico