Italia

Tarantini, indagato il procuratore Laudati

Antonio LaudatiLECCE. Iscritto nel registro degli indagati della Procura di Lecce il procuratore capo di Bari, Antonio Laudati. Le ipotesi di reato contestategli sarebbero l’abuso d’ufficio e il favoreggiamento personale.

Secondo l’ipotesi accusatoria, il procuratore di Bari si sarebbe adoperato per rallentare la chiusura delle indagini sulle escort che Gianpaolo Tarantini portava nelle residenze del premier, Silvio Berlusconi. Sull’operato di Laudati è stata avviata anche un’indagine del Csm, nell’ambito della quale è stato sentito ieri l’ex pm di Bari, Giuseppe Scelsi. Nei dialoghi intercettati dalla Procura partenopea il procuratore Laudati viene indicato come colui che avrebbe cercato di favorire Tarantini e, soprattutto, di evitare la divulgazione delle intercettazioni scomode del presidente del Consiglio.

L’inchiesta avviata a Lecce dovrà chiarire se Tarantini, parlando al telefono con il direttore ed editore dell’Avanti, Valter Lavitola, diceva il vero quando riferì che il procuratore capo Laudati avrebbe chiesto ai suoi legali di patteggiare la pena per evitare tanto una nuova esposizione pubblica al presidente Berlusconi, con l’avviso di conclusione delle indagini e la conseguente diffusione degli atti e delle intercettazioni, quanto anche un processo pubblico che avrebbe comportato l’interrogatorio dello stesso Tarantini.

In un’intercettazione del 5 luglio scorso si legge: “Quello a Nicola gli ha messo l’ansia…ha detto che è catastrofica…che il suo ruolo è fallito…perché lui era convinto, ti ricordi, di archiviarla”. Nella conversazione, almeno secondo quanto ipotizzato dagli investigatori napoletani, il riferimento dovrebbe essere all’avvocato Nicola Quaranta, all’epoca difensore di Tarantini, e al procuratore Laudati (“quello”). Laudati sarà ascoltato giovedì.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico