Italia

Tarantini, i pm vogliono Berlusconi a Napoli

Silvio BerlusconiNAPOLI.I pm di Napoli hanno chiesto al premier Silvio Berlusconi di presentarsi in procura in una di quattro date possibili, da giovedì 15 settembre a domenica 18, dalle 8 alle 20, per l’audizione in qualità di persona offesa, …

… nell’ambito dell’inchiesta ai suoi danni sulla presunta estorsione da parte dell’imprenditore Gianpaolo Tarantini. Altrimenti, i magistrati partenopei potrebbero avviare la procedura per l’accompagnamento coatto del testimone. In questo caso, i pm potrebbero “solo rivolgersi al Parlamento”, come ha spiegato il procuratore di Napoli Giovandomenico Lepore.

Un primo faccia a faccia tra il Cavaliere e i pm napoletani era in programma per oggi, ma è saltato a causa degli impegni in Europa del capo del governo. I legali del presidente del Consiglio hanno depositato la memoria difensiva scritta dal Cavaliere. Ma questa “non basta ad evitare il faccia a faccia coi magistrati”, ha detto Lepore, intervenuto a ’24 Mattino’ su Radio 24. “Non è un memoriale ma una memoria difensiva. Ma non basta, anche se va letto ciò che c’è scritto e bisogna tenerne conto ai fini processuali. Va sentita la parte lesa, noi abbiamo elementi per pensare che ci sia un’estorsione e la vittima, il premier, nega l’estorsione, quindi dobbiamo sapere i particolari. La memoria difensiva non basta perché – ha aggiunto Lepore – è una versione unilaterale, vanno fatte le domande e ci sono fatti specifici da contestare. Le controdeduzioni con domande da parte dei magistrati sono necessarie per fare chiarezza, non per senso di persecuzione nei confronti di qualcuno. Nessun cittadino si può sottrarre a suo piacimento all’esame da parte dei magistrati. Lo stesso presidente della Repubblica può essere sentito come teste, con prerogative come quella di essere sentito al Quirinale, ma non si può sottrarre”. “Non credo che il premier stia fuggendo dai magistrati, comunque non si è presentato”, ha anche aggiunto Lepore.

Berlusconi ha sempre sostenuto che l’elargizione di denaro a Tarantini era un aiuto a una famiglia in difficoltà economiche. Per i magistrati è ancora valida l’esigenza di una testimonianza diretta del premier. Tempi stretti invece per la decisione sulla competenza territoriale dell’inchiesta. La difesa di Tarantini ha sollevato la questione ritenendo che il fascicolo debba passare ai magistrati di Roma. In giornata scadrebbe il termine di dieci giorni e si attende una risposta da parte dei pm di Napoli.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico