Caserta

Manovra, gruppo consiliare Pd appoggia protesta Anci

Partito Democratico CASERTA. Alla luce dei tagli previsti della manovra finanziaria del Governo, il gruppo consiliare del Partito Democratico al Comune di Caserta ha presentato alla Presidenza del Consiglio comunale …

… un ordine del giorno per impegnare l’Amministrazione a mobilitarsi a favore delle iniziative intraprese dall’Anci nazionale e regionale, avviando contestualmente anche un’operazione di trasparenza sui costi del Comune. In particolare l’ordine del giorno impegna il Consiglio comunale “a realizzare tutte le iniziative idonee al pieno coinvolgimento della cittadinanza e dei soggetti economici e sociali del nostro territorio per una operazione di verità e di trasparenza sui reali costi della nostra amministrazione e sulla ingiusta gestione e ripartizione delle risorse pubbliche che ancora oggi impedisce il decollo delle economie territoriali e dell’occupazione, tutto ciò in antitesi ad ogni ipotizzata prospettiva, sia autonomista che federalista”.

Il documento dei Democratici rileva come la manovra sia inadeguata “rispetto alla complessità e straordinarietà delle emergenze che il Paese si trova ad affrontare” e i suoi effetti “fortemente lesivi delle prerogative dei Comuni e tali da mettere a repentaglio lo svolgimento stesso dei compiti costituzionalmente a loro assegnati”. “Gli impatti della manovra – continua la proposta di ordine del giorno – rappresentano un colpo finale mortale all’esercizio dei compiti istituzionali del comuni ed allo svolgimento delle funzioni di servizio alla propria comunità territoriale”.

Il documento sollecita poi il Comune a farsi promotore anche con gli altri enti locali limitrofi di una “protesta corale che abbia anche le caratteristiche di una forte proposta unitaria delle autonomie locali per correggere in modo equo ed efficace l’attuale manovra finanziaria, considerato che è interesse di tutti che i conti pubblici siano riportati nell’ordine dovuto, ma che questo è possibile solo lavorando tutte le istituzioni in modo unitario e paritario”.

Infine, “appoggia l’impegno recentemente assunto a livello nazionale dalle rappresentanze delle regioni, dei comuni e delle province per elaborare una seria proposta di rilancio e di sviluppo del Paese, articolata su tre assi: Piano di riordino istituzionale che abbia effetto immediato; Piano di risanamento e stabilità; Piano di investimenti per la crescita” e promuove “la partecipazione del Comune per far sentire la propria voce all’Assemblea nazionale dell’Anci che si terrà il 5-8 ottobre a Brindisi”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico