Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Rifiuti tossici, Natale: “Denunciammo quello scempio già negli anni ‘80”

Renato Franco NataleCASAL DI PRINCIPE. Era il 30 luglio 1988 quando l’allora gruppo consiliare del Partito Comunista, guidato da Renato Franco Natale, denunciò pubblicamente lo scempio la camorra stava perpetrando sul territorio di Casal di Principe.

Lo testimonia il documento “rispolverato” oggi dallo stesso Natale, ex sindaco e presidente dell’associazione “Jerry Masslo”, alla luce del rinvenimento di una scarica di rifiuti tossici situata lungo via Circumnvallazione e risalente ai primi anni ’90.

Un sito di circa 8mila metri quadrati, che era gestito da esponenti di primo piano della fazione del clan dei Casalesi capeggiata da Francesco Schiavone detto “Sandokan”, contiene rifiuti ritenuti altamente pericolosi, seppelliti fino ad una decina di metri di profondità e coperti da uno strato di cemento spesso circa un metro.

Il terreno, cinto da un alto muro in mattoni di tufo, è di proprietà dell’Istituto Diocesiano Sostentamento del Clero della Curia di Aversa, e, negli anni ‘80, era stato fittato ad un uomo, deceduto, padre di un noto esponente del clan dei Casalesi, attualmente detenuto, genero di Carmine Schiavone, cugino di Francesco “Sandokan”, primo e storico collaboratore di giustizia della camorra casalese. I primi rilievi hanno accertato la presenza di materiale sabbioso maleodorante sulla cui natura saranno effettuate analisi da parte dell’Arpac.

Intanto, Natale, in un’intervista concessa a Pupia, ci tiene a sottolineare comenon risulti veritieroche i cittadini non abbiano denunciato queste attività illecite della camorra, anzi la triste realtà è che le istituzioni dell’epoca non sono mai intervenute dopo quell’esposto.

Rifiuti tossici, int. Renato Natale

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico