Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Martinelli: “Dalle ceneri del dissesto nascerà il paese nuovo”

Pasquale Martinelli CASAL DI PRINCIPE. Il giorno dopo il Consiglio comunale, nel comune casalese, è un giorno solito di lavoro. Troppo presto per raccogliere opinioni pubbliche, mentre la cronaca della seduta, terminata all’una di notte, è quella risaputa.

La maggioranza che approva il dissesto e l’opposizione che, al momento del dopo, abbandona l’aula. Saranno i prossimi giorni a dire come il dissesto sarà veramente recepito dal popolo casalese, intanto è opportuno – come ha sollecitato anche qualche esponente dell’opposizione – che alla cittadinanza venga spiegato, con incontri ed iniziative molteplici, il perché di questa scelta, la sua ricaduta, e il possibile futuro del governo comunale.

A questi scopi è straordinariamente utile il discorso tenuto dal primo cittadino casalese, Pasquale Martinelli che, a più riprese, è intervenuto a spiegare la “scelta epocale”, con pazienza ed argomentazioni empiriche ma anche rivelando alla platea “un sogno”: rendere Casal di Principe un paese normale. Procediamo, però, per gradi. Martinelli l’aveva ripetuto per mesi: “Il dissesto è una necessità improrogabile”. E tale è stato con il voto consiliare di questo 28 settembre. E la “necessità improrogabile” è stata spiegata in tutte le salse: in aula, in termini economici dal responsabile dei conti comunali, Enrico Pignata; in appositi documenti, dal commissario ad acta, inviato dell’autorità territoriale di Governo, e dai Revisori dei Conti; sul piano politico dal sindaco Martinelli.

Il dato è chiarissimo: oltre 16 milioni di euro (per ora) di debiti, a fronte di una mole enorme di crediti teoricamente vantati dal comune che, quand’anche esigibili, potrebbero essere riscossi in chissà quanti anni; in particolare, i crediti milionari di EniAcque e, poi, i numeri “terribili” che spiegano crudamente che a pagare le tasse sono pochissimi cittadini: 37% di contribuenti per la Tarsu – e questo è l dato più felice – e solo il 7% di contribuenti sugli altri versanti. “Di qui una scelta che nessun sindaco vorrebbe mai fare – ha affermato Martinelli – ma anche la necessità di voltare pagina”.

Così, dopo un lavoro di indagine e rendicontazione dei conti ventennali del comune, dopo aver “spremuto” tutti i settori ed i rispettivi responsabili nel lavoro di contabilità, Martinelli è riuscito finalmente ad avere contezza della situazione economico-finanziaria e a convincersi definitivamente – insieme alla sua maggioranza- della scelta operata. Il resto è storia di un giorno: il comune casalese è in dissesto.

“Questo, però, non significherà la morte di questo comune – ha spiegato Martinelli – ma l’avvento di quella nuova stagione che tutti auspichiamo, di trasparenza e di legalità e di responsabilità condivisa, e di innovazione. Ai cittadini casalesi, ora l’amministrazione andrà a spiegare nel dettaglio la situazione determinatasi e, soprattutto, porrà l’accento sulle conseguenze della scelta operata: la creazione di un punto zero – come l’ha chiamato lo stesso Martinelli – e la presa di coscienza collettiva e condivisa delle cose da fare.

“Approvando il dissesto – ha ancora spiegato Martinelli – nell’immediato potremo ottenere, così come stabilito dalla legge, di tagliare di molto i crediti contratti per acque e fognature, e pianificarne i pagamenti; e, poi, sarà necessario fare squadra e reperire progettualità e finanziamenti per realizzare opere pubbliche, senza dimenticare che sono moltissime le opere già in gestazione e molte già cantierabili. E potremo finalmente mettere mano alla macchina comunale, avendo ora chiari dove sono anche i deficit di funzionalità”.

Poi il fronte tasse: “Non dovrà mai più accadere che non si paghino le tasse in così tanti cittadini: il dissesto significherà anche questo, la presa di coscienza di quei comportamenti che non si devono più ripetere e la necessità che i cittadini, nessuno escluso, siano riscopra il dovere di contribuenti, per avere in cambio più servizi”.

“Tanti sono gli argomenti e tantissime – è la promessa di tutti gli amministratori – saranno le iniziative che porteremo in pubblico e nelle case dei nostri concittadini per spiegare a tutti che abbiamo fatto una scelta epocale e straordinariamente utile per l’intero paese”. Appunto quel dissesto che, secondo Martinelli, “è soltanto l’inizio di un cammino di vittoria, del debutto del paese nuovo, della stagione tanto attesa del riscatto”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico