Aversa

Vivibilità, Della Valle: “Il sindaco recepisca le istanze dei cittadini”

Gino Della Valle AVERSA. Gino Della Valle ha incontrato il presidente del Comitato Civico per la vivibilità del Parco Argo e del Parco Coppola, Alfonso Golia, ed insieme hanno concordato le date per una raccolta di firme da indirizzare al sindaco Ciaramella

… con la quale si chiederà un impegno preciso su quattro questioni che potrebbero contribuire a migliorare sensibilmente la vivibilità della zona. Ecco le proposte: trasformazione di tutti gli stalli gialli, riservati ai residenti, in stalli blu e conseguente autorizzazione ai suddetti cittadini a poter parcheggiare in tutta la zona B sfruttando lo stesso talloncino già rilasciato dal Comando della Polizia Municipale; velocizzare l’iter per l’assegnazione dei lavori di realizzazione del parcheggio all’incrocio via Giotto e via Giordano; apertura e sistemazione a verde attrezzato dello standard urbanistico posto all’angolo tra via Michelangelo e via Botticelli; messa in sicurezza dell’incrocio tra via degli Artisti via Giotto e via Giordano con particolare cura ai pedoni (Condominio Alfieri). Della Valle sottolinea che quando era assessore, nonostante non fosse delegato ai parcheggi (delega che il sindaco ha sempre voluto tenere per se) più volte ha fatto presente allo stesso Ciaramella, sia verbalmente che per iscritto, che il provvedimento della sosta a pagamento andava migliorato in alcuni punti e che questo era fondamentale per la vivibilità della città.

“Oggi quelle questioni, ancora irrisolte, – dice l’ex assessore – vanno affrontate con assoluta urgenza dal momento che la perdurante mancanza degli auspicati correttivi, ha giustamente finito per esasperare i nostri concittadini. Pertanto, rivolgo un invito al primo cittadino, anche in considerazione del redigendo bando per la gestione della sosta a pagamento, a recepire i suggerimenti che ripetutamente ho sottoposo alla sua attenzione facendomi portavoce delle richieste dei cittadini”.

Per Della Valle è necessario: ricalibrare la percentuali di introito a favore del Comune; ridefinire i limiti delle zone ad esclusiva sosta a pagamento; ripensare la questione della sosta durante i giorni festivi; rimodulare la politica della sosta per i residenti nelle zona A e B.

E chiarisce che più volte, “per spirito di partito”, ha evitato di criticare apertamente taluni provvedimenti.“Ora, però, – spiega Della Valle – non posso più esimermi da intervenire su decisioni che ritengo ingiuste poiché non migliorano la vivibilità della città, non apportano alcun reale e duraturo beneficio alla collettività, non tagliano spese superflue, non vanno verso quegli strumenti di programmazione territoriale approvati in Consiglio”. Infine, Della Valle puntualizza che, “pur essendo chiaro a tutti che la crisi è stata creata ad arte dal primo cittadino per mettere in un angolo due soggetti eletti nel suo stesso partito”, questo “non modificherà il mio modo di fare politica mai connotato da astio (tantomeno in termini personali) ma ispirato esclusivamente a rappresentare, sempre e comunque, le istanze dei cittadini”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico