Italia

Roma, infermiera con tubercolosi: salgono a 10 i neonati contagiati

 ROMA. Potrebbero essere in tutto tre i bambini contagiati al Policlinico Gemelli da una infermiera malata di Tbc.

Sale a 10 il numero dei neonati, nati tra marzo e luglio al Policlinico Gemelli di Roma, risultati positivi ai test della tbc avviati dalla Regione Lazio dopo la scoperta che, in quel periodo, una infermiera affetta da tubercolosi aveva lavorato nel nido dell’ospedale. Lunedì 22 agosto l’annuncio dei primi due positivi, entrambi nati a luglio, che si aggiungono a una bimba di 5 mesi già ricoverata al Bambino Gesù, la cui malattia però deve ancora essere collegata con certezza all’infermiera.

Martedì 23 agosto, il nuovo bollettino: “Sono sono emersi otto esami positivi – ha reso noto la Regione – corrispondenti a sei neonati nel mese di luglio e due nel mese di marzo. Le famiglie sono state avvisate”. Di questi, sei sono nati a luglio e due a marzo. Così come nel caso dei primi due bambini, risultati positivi al test ma non ammalati di tubercolosi, anche nel caso di questi piccoli “sono stati già programmati ulteriori controlli e sarà proposta la profilassi”.

L’Unità di coordinamento ha intanto dato una decisa accelerata nei controlli: da 25 a 150 neonati al giorno, da una struttura sanitaria a tre coinvolte nel monitoraggio, con l’obiettivo di concludere entro il 26 agosto le procedure di contatto di tutte le famiglie, così da convocare e controllare entro agosto tutti i 1.271 nati tra marzo e luglio.

Le condizioni dei primi due positivi, un bimbo e una bimba di Roma, non destano comunque preoccupazione. Sebbene positivi al test non sono né malati né contagiosi, ma ‘latenti’, e le radiografie toraciche hanno dato esito negativo. “Sono nati entrambi a luglio, e questo ci fa immaginare che sia il mese più complesso” ha spiegato Polverini. A luglio, al Gemelli, sono nati 169 bambini ma fare previsioni su quanti saranno alla fine i positivi, ad oggi, è difficile: “Il campione è ancora troppo ridotto” spiegavano stamane i medici in conferenza stampa. “Questa non è un’epidemia. Non c’è emergenza, solo giusta preoccupazione – le parole della governatrice -. La Regione ha agito con la giusta tempestività per evitare ore di angoscia ai genitori, ci siamo messi nei loro panni. Ed è la prima volta che in Italia ci sono 1.271 possibili contagiati”.

Dal canto suo l’infermiera, 38 anni, molti dei quali passati ad assistere i malati, dal suo letto dello Spallanzani legge i giornali tutti i giorni. E se fisicamente sta reagendo bene alle cure, psicologicamente non si dà pace: “Non sono la monatta che gira per Roma a contagiare i bambini. Mi ero pure vaccinata” ha detto ai medici. Dove sia stata infettata, ancora non è chiaro. Intanto mentre il Tribunale del malato valuta con soddisfazione l’attività anti-tbc svolta dalla Regione e coordinata dalla Asl Roma E, la Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori sanitari, presieduta da Leoluca Orlando, ha chiesto a Polverini una relazione in merito alla vicenda. Del caso, infine, si sta occupando anche la Procura di Roma. I Nas hanno acquisito le cartelle cliniche dei bambini, ma per ora il fascicolo non ha né ipotesi di reato né indagati.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico