Italia

Folignano, la madre di Jason: “E’ morto, ma non l’ho seppellito io”

 ASCOLI.“Il bambino è morto, ma non l’ho seppellito io. Ho solo accompagnato la persona che si è disfatta del corpicino”.

Lo ha detto Katia Reginella, 24 anni, la madre del piccolo Jason, il neonato scomparso a Folignano, al suo legale Francesco Ciabattoni e al consulente della difesa Alessandro Meluzzi, che lunedì sono stati in carcere a Teramo per parlare con lei.

La donna ha anche indicato il luogo in cui il bambino è stato seppellito, nelle campagne di Casteltrosino, una frazione collinare di Ascoli, a 20 chilometri di distanza da Folignano, ma non ha detto chiaramente chi sarebbe stato a portarcelo. Del fatto sono stati subito informati inquirenti e carabinieri.

La Reginella, insistendo nella sua versione secondo cui Jason sarebbe morto dopo una caduta accidentale in casa, ha anche dichiarato che lei aveva intenzione di portarlo in ospedale, e che non voleva disfarsene nel modo descritto.

Secondo il professor Meluzzi questa versione della ragazza sarebbe credibile. La difesa, comunque, chiederà una perizia psichiatrica e un incidente probatorio sull’esito della relazione del consulente, oltre al trasferimento della giovane madre in una struttura più idonea.

Kati è detenuta in carcere dal 20 luglio scorso insieme al marito Denny Pruscino, 30 anni, operaio, padre non naturale di Jason, ma che lo ha poi riconosciuto. I due hanno fornito una versione diversa di quanto accaduto, tra la fine di giugno e l’inizio di luglio. Mentre lei ha ripetuto che il bambinoè morto in un incidente domestico, il marito ha cambiato versione dopo l’arresto, dichiarando che il neonatoè ancora vivo. Il legale di Pruscino ha chiesto alla procura un confronto fra il suo assistito e la moglie.

Anche gli inquirenti continuano a credere che il piccolo sia vivo, e lo stanno cercando in Italia e all’estero. In campo c’é anchel’ipotesi che il bimbo sia stato venduto.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico