Esteri

Terremoto negli Usa, paura a Washington e New York

 WASHINGTON. Una forte scossa di terremoto di magnitudo 5.8 è stata avvertita nella costa est degli Stati Uniti.

L’epicentro del terremoto è stato localizzato a Mineral, una località rurale della Virginia a 140 chilometri dalla capitale. Ma tutta la zona circostante, tra Capitol Hill e il Mall, il cosiddetto federal Triangle, sede dei più importanti ministeri americani, è stata fatta evacuare. Per quasi tutti era la prima volta che provavano sulla propria pelle una scossa sismica. In pochi minuti è andata in tilt la rete telefonica, così come in parecchie zone della città anche la luce.

Almeno secondo i primi rilievi non ci sarebbero stati danni gravi né alle persone, né agli edifici. Ad ogni buon conto, i pompieri e la protezione civile ha bloccato l’accesso a tutti i palazzi del centro, per fare le prime verifiche sulla stabilità degli edifici.

Tutta l’area davanti alla Casa Bianca è stata transennata come anche di fronte a Capitol Hill. Dopo le prime scene di paura, con gente che è scoppiata in pianto in preda al panico, è tornata la calma (guarda il video in fondo).

“Ero nel mio ufficio – racconta un funzionario appena uscito dal Tesoro – e ho sentito tremare tutto sotto la sedia. Sembrava che stesse passando un vagone della metropolitana, ma lì non ci sono linee vicine. Quindi è tremato tutto il palazzo e siamo usciti di corsa”. Non aveva mai vissuto un’esperienza del genere: “Una volta nel ’93 qui a Dc c’è stata qualcosa ma io non me ne ricordo nemmeno. Oggi invece è stata forte eccome”. La scossa è stata avvertita anche a New York e in tutta la costa est, perfino nella lussuosa Martha’s Vineyard, luogo di vacanze scelto dal presidente Barack Obama e famiglia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico