Caserta

Dal 4 al 6 settembre a Caserta i lavori del bureau e della Consiglio Ue

Luca VolontèCASERTA. Tra circa un mese la provincia di Caserta sarà capitale d’Europa per tre giorni. Dal 4 al 6 settembre, infatti, Terra di Lavoro è stata individuata quale sede, in Italia, della riunione del Bureau e della Commissione Politica dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa.

In questi tre giorni, quindi, a Caserta e in provincia saranno presenti circa 150 tra parlamentari europei dei 27 Paesi membri dell’Unione Europea, componenti dell’ufficio di presidenza del Bureau, dirigenti e funzionari del Parlamento Europeo e Italiano, che avranno il compito di gestire questo importantissimo evento internazionale. L’iniziativa, proposta dal deputato Luca Volontè, componente della delegazione italiana presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa e presidente dei parlamentari del Ppe, è stata subito accolta con favore dal presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi, che ne ha compreso la notevole valenza in termini di immagine e di prestigio, ma anche di promozione per l’intero territorio della provincia di Caserta. La tre giorni, infatti, sarà caratterizzata dai lavori della sessione di questa assemblea parlamentare europea, ma consentirà a questi circa 150 ospiti provenienti da tutta Europa di conoscere e apprezzare l’immenso patrimonio artistico, monumentale, paesaggistico ed archeologico presente in questa provincia.

“Per la nostra provincia – ha spiegato il presidente Domenico Zinzi – è un’occasione unica, in quanto è la prima volta che in Italia tale evento si svolge in una sede diversa da Roma. Ospiteremo un avvenimento eccezionale che ci darà un enorme prestigio e grande visibilità non solo a livello nazionale, e che rappresenterà anche una straordinaria opportunità per far conoscere le eccellenze turistiche della nostra terra. Abbiamo colto al volo un’occasione del genere, che serve a rilanciare fortemente la nostra immagine davanti ad una platea di personalità di livello internazionale, provenienti dai 27 Paesi dell’Unione Europea”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico