Sorrento - Vico E. - Massa Lubrense - Piano di Sorrento - Sant’Agnello - Meta

Sequestro Savina Caylyn, corteo-fiaccolata a Procida

la foto inviata via fax dai sequestratoriPROCIDA. Stringere i denti. E’ questo l’augurio che la famiglia Guardascione rivolge a Crescenzo, il terzo Ufficiale di coperta della petroliera Savyna Caylyn sequestrata l’8 febbraio scorso dai pirati al largo delle coste somale.

Un compleanno, questo, che di certo rimarrà per sempre impresso nella mente del marittimo procidano. Lontano dai suoi affetti, e senza la benché minima certezza di riabbracciarli, così Crescenzo festeggia i suoi 40 anni, con un pugno di riso nel deserto somalo, lì dove era stato allontanato dai sequestratori insieme ad altri due marittimi. “Tre di noi, il primo ufficiale Eugenio Bon, il terzo ufficiale Crescenzo Guardascione e l’allievo di coperta Gianmaria Cesaro, sono stati trasferiti a terra, nel deserto, in mezzo agli scorpioni”. Queste le ultime notizie su Crescenzo tramite le parole del comandante della nave sequestrata, Giuseppe Lubrano Lavadera, di Procida, in una delle rare comunicazioni telefoniche, risalente oramai al mese di maggio.

Il coordinamento spontaneo di cittadini, “Liberi Subito”, si unisce agli auguri della famiglia e continua la sua attività di sensibilizzazione. E’ infatti previsto per sabato 20 agosto un corteo-fiaccolata che alle 20.30 partirà da Piazza Marina Grande e percorrerà tutte le strade dell’isola fino a raggiungere Marina Chiaiolella. Durante il corteo, insieme alle fiamme delle fiaccole brilleranno, su ogni finestra procidana, quelle di migliaia di altri luci, e tutta l’isola sarà tappezzata da cartelli e striscioni con la scritta “Liberi Subito”.Al termine del corteo-fiaccolata ci sarà un concerto di solidarietà curato da tutti i gruppi musicali procidani, che avrà come temi la libertà ed il mare.

Prenderanno parte al corteo i familiari degli ostaggi campani della petroliera Savina Caylyn, le famiglie Lubrano Lavadera, Guardascione, Verrecchia e Cesaro; sono attesi inoltre i sindaci e delegazioni dei più importanti Comuni di tradizione e cultura marinara: Ischia, Capri, Anacapri, Trieste, Napoli, Gaeta, Piano di Sorrento, Sorrento, Pozzuoli, Torre del Greco e Monte di Procida. Fino a quando i marittimi prigionieri in Somalia non avranno fatto ritorno alle loro case, Procida non si ferma.

L’isola di Procida chiede con forza l’intervento dello Stato per l’immediata liberazione dei marittimi sequestrati, che per ora si è concretizzato nell’invio della Fregata “Andrea Doria” nel Golfo di Aden. La nave, con a bordo un equipaggio di 22 persone, 17 indiani e 5 italiani, fu sequestrata dai pirati in pieno Oceano Indiano, a 880 miglia dalle coste somale e a 500 miglia dall’India. Tra i 5 italiani figurano il capitano Giuseppe Lubrano Lavadera, 47 anni, di Procida, e Antonio Verrecchia (62 anni, di Gaeta, direttore di macchina), Gianmaria Cesaro (26anni, di Piano di Sorrento, allievo di coperta),Crescenzo Guardascione (41 anni, di Procida, terzo ufficiale di coperta),Eugenio Bon (30 anni, di Trieste, primo ufficiale).

La “Savina Caylyn” appartiene alla società armatrice “Fratelli D’Amato” di Torre del Greco. Lunga 266 metri, del peso di 105mila tonnellate, è stata varata nel 2008. Il 2 febbraio scorso aveva caricato 87mila tonnellate di petrolio nel terminale di Marsa Bashayer, sul Mar Rosso, in Sudan, ed era diretta a Pasir Gudang,in Malesia, con arrivo previsto per il 20 febbraio.Il sequestro si è verificatoa670 miglia ad est di Socotra, l’isola yemenita di fronte alla punta del Corno d’Africa.

I prossimi appuntamenti di sensibilizzazione:

20 agosto – L’isola si Illumina – Migliaia di candele brilleranno sulle finestre procidane

24 agosto – Corteo di cittadini per le strade dell’Isola di Procida con concerto finale “Liberi Subito”

31 agosto – Consiglio Comunale Straordinario alla presenza delle Istituzione Provinciali e Regionali della Campania e dei Circoli Marittimi della Campania

dal 3 settembre – Presidio del Comitato di cittadini procidani a Montecitorio

10 settembre – Manifestazione di solidarietà a Roma con migliaia di cittadini e la presenza di tutti i Comuni coinvolti nel sequestro della petroliera Savina Caylyn

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico