Succivo

Pd: “Le disinvolte manovre della giunta Tinto-Abbate”

PdSUCCIVO. Lo spirito di servizio che ci accompagna nell’assumere l’impegno politico ci pone nella condizione di dover vigilare sugli atti amministrativi e sulle disinvolte manovre di questa amministrazione.

Questa maggioranza, trascorsi appena due mesi, è risultata omissiva ed arrogante. C’è una totale abulia nei nostri prodi amministratori. C’è un distacco preoccupante dalle ‘cose terrene’. Sembrano, il sindaco e i suoi soci, inseguire sogni o dar la caccia alle utopie. Sembrano intenti a blandire il destino affinché li conservi al potere e non si accorgono della realtà che li circonda.

Un comportamento beato sembra disegnarsi sul loro volto. Ridacchiano beati e paciosi… e noi ci chiediamo: ma di che? Perché? Ci preoccupa questo strano disturbo del comportamento. Ci coglie la delusione per la cultura del sospetto, del raggiro, del marchingegno che si rileva alla base di ogni proposito di questa maggioranza.

Pertanto, vogliamo mettere a nudo un modo di amministrare che va stigmatizzato, non fosse altro per i danni pratici e di immagine che procura al nostro paese. Infatti, di seguito elenchiamo le ‘disinvolte’ manovre dei nostri amministratori, ormai in preda alla ‘sindrome dei poveri illusi’.

1) decreto nomina assessori illegittima;

2) delibera richiesta contributi biblioteca comunale falsa per copia e incolla errato;

3) aumento delle tariffe della mensa scolastica ai residenti;

4) ufficio tecnico: nomina di un funzionario privo delle qualifiche professionali;

5) ambito Ce 3- l. 328: sfiducia dei sindaci del Tavolo Istituzionale e rischio perdita del ruolo di capofila del Comune di Succivo per manifesta incapacità politica;

6) minori a rischio: contributi stanziati a favore della Parrocchia senza porre in essere, a tutela di tutti i minori di Succivo, la forma di pubblicizzazione degli atti previsti dalla legge dello Staro e dal Regolamento comunale;

7) presenza, negli uffici comunali, di persone estranee all’amministrazione;

8) bilancio preventivo 2011: questo strumento contabile è indispensabile per la gestione della macchina comunale e soprattutto per il raggiungimento del fine ultimo del Comune che è il soddisfacimento costante e crescente dei bisogni della collettività.

Tutto questo i nostri amministratori non lo sanno perché, in consiglio comunale, hanno approvato un bilancio approssimativo e in contraddizione con il programma politico presentato durante la campagna elettorale. Potremmo continuare con l’elenco ma, per ora, ci fermiamo. Come vedete c’è poco da ridere, i cittadini vogliono essere amministrati, vogliono trovare sul Comune, interlocutori seri e attendibili e non teatranti. Si aspettano risposte concrete e non chiacchiere o allusioni ad altrui responsabilità.

Il Circolo Pd Succivo

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico