Parete

Eco Summer, al via la seconda edizione

 PARETE. Oltre 15 giorni di eventi, 7 associazioni coinvolte, concerti rock, musica popolare, artisti di strada, cinema, sport, solidarietà, ecologia.

Sono questi i numeri e i temi della seconda edizione dell’EcoSummer. L’evento estivo ideato l’anno scorso dalle associazioni “La Tenda” e “La tribù” con l’intento di sensibilizzare la cittadinanza sulla questione ambientale e di rivalutare i diversi spazi pubblici di Parete. Rispetto ad un anno fa molte cose sono cambiate. Prima di tutto è cambiata l’amministrazione comunale la quale, a differenza di quella passata, ha accettato di patrocinare l’iniziativa ed impegnarsi direttamente nell’organizzazione, riuscendo a coinvolgere altre associazioni: Pro Loco, Nero e non solo, Piazza Berlinguer, Cam, Arci.

Si parte il 10 Luglio con la SpaccaParete, passeggiata podistica organizzata dalla Pro loco. Dall’11 al 22 Luglio riapre il “Villaggio della Solidarietà”, atto a promuovere l’incontro con gli immigrati di Parete. Il 17 e il 24 Luglio CineForum in Piazza Massimo Troisi (zona 167). Il 15 Luglio in Piazza Trinità, serata dedicata a band emergenti e ad artisti di strada, il 16 Musica popolare in Piazza caduti di Nassirya, il 22 esibizione di un duo di chitarra classica nell’anfiteatro delle scuole medie, mentre il 23 gran finale con il concerto di Capone Bungt Bangt in Piazza Berlinguer, organizzato dall’associazione La Tenda con la collaborazione di alcuni immigrati che partecipano al “Villaggio” e che proporranno durante la serata piatti tipici dell’est Europa e del nord africa. Divertimento quindi, ma anche grande attenzione all’ ambientale e alla solidarietà, infatti, come afferma il presidente de La Tenda, Carlo D’Angiolella “abbiamo ideato quest’iniziativa l’anno scorso cercando di dare un’impronta formativa a tutte le serate da noi organizzate, abbiamo invitato Raffaele del Giudice di Legambiente, fatto convegni sulla raccolta differenziata, per dimostrare non solo che noi ragazzi delle associazioni teniamo a cuore il nostro territorio, ma anche che i cittadini di Parete sono pronti a recepire forme di divertimento indirizzate all’inclusione sociale degli immigrati, alla questione ambientale e alla solidarietà, e non solo ai Karaoke e ai balli latino-americani propinati nelle ultime estati”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico