Orta di Atella

La maggioranza: “Continueremo a rispettare patto con gli elettori”

Angelo BrancaccioORTA DI ATELLA. Registriamo con sorpresa ed un certo rammarico la “sortita” dell’ex capogruppo Piccirillo e del consigliere De Micco.

Certamente si era percepito un disagio negli ultimi tempi ma le occasioni di confronto con il sindaco, con il gruppo consiliare e la vasta area politica che sostiene la maggioranza non sono mai mancate. Non si può pretendere di contestare un progetto politico al quale si è aderito con convinzione e passione fino a pochi giorni fa senza un minimo di discussione interna, tra l’altro sollecitata a più riprese.

Rammarica leggere di un fallimento quando l’operato della giunta e della maggioranza tutta è stato egregiamente e degnamente sostenuto in numerose circostanze proprio dal consigliere Piccirillo che, non a caso, nell’ultimo Consiglio comunale che ha approvato il bilancio di previsione, ha speso parole al miele verso una progettualità politica ed amministrativa del gruppo che ha rappresentato, ma soprattutto ha sottolineato come in un periodo di crisi sia riuscito questo esecutivo ad assumere addirittura del personale, caso unico in Campania (parole sue!).

Ora, è pur vero che le esagerazioni linguistiche fanno parte di un costume riprovevole che investe ogni settore della vita pubblica, ma parlare di “vortice di falsità ed ingiustizia”, di “maggioranza senza forza né caratura”, ci sembra un modo poco elegante di sfilarsi dalle responsabilità di una gestione amministrativa complessa quanto si vuole, ma che vede questa maggioranza ancora più fortemente impegnata a tener fede al patto stipulato con gli elettori che, poco interessati alle solite beghe e ai soliti teatrini della politica, attendono soluzioni concrete alle emergenze del nostro paese.

Prendiamo atto, purtroppo, che il confronto non è il pezzo forte dei due consiglieri ma la loro fuoriuscita non rallenterà né l’azione politica della maggioranza né l’impegno proficuo e continuo dell’esecutivo volto ad assicurare migliori condizioni di vita alla cittadinanza. Quando si ama davvero la gente non si “rompe” pensando di poter costruire sulle macerie, provocare ad ogni costo.

Se poi il “Re” sia nudo o meno lo verificheremo con le azioni amministrative e politiche di questa maggioranza che, in merito al riassetto urbanistico e territoriale, sottoporrà ogni proposta all’unico destinatario legittimato a scegliere, il “popolo sovrano”. Se in nome di questo stesso popolo che li ha scelti governare, i due consiglieri hanno proposte migliori e più fattibili dovranno in ogni caso spiegare come mai non ne hanno mai fatto cenno.

Appellarsi alla memoria di Don Peppino Diana e a fantomatici comitati di salute pubblica è un copione già visto, in special modo quest’anno. Intanto, questa maggioranza e, se è lecito fare ancora dell’ironia, insieme a questo “Re”, è ancora ben vestita e il rischio di vedersi nuda è molto lontano rispetto ai propositi di chi, a tutti i costi, e senza rassegnarsi, vuole stracciarle le vesti per inseguir improbabili, anzi improponibili, sogni di vana gloria.

In ogni caso, il sindaco, la giunta e le forze politiche della maggioranza ringraziano i due consiglieri per l’impegno profuso in qusti 18 mesi di comunanza politica ed amministrativa il leit motiv resta fermamente quello su cui tanto ci si è spesi in questi anni e su cui si continuerà ad investire.

Ribadiamo che non sono immaginabili maggioranze alternative a questa che seguiterà nel suo percorso senza tentennamenti alcuni, ma con molta più determinazione.

Le Forze Politiche della Maggioranza – Il Gruppo Consiliare

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico