Italia

P4, la Camera dice sì all’arresto di Papa

Alfonso PapaROMA.L’Aula della Camera ha votato sì, a scrutinio segreto, sulla richiesta di arresto di Alfonso Papa: 319 i voti a favore, 293 i contrari.

Maretta in Aula dopo il voto: i lavori dovevano proseguire su altri ordini del giorno, ma battibecchi, brusii e commenti sul “caso Papa” hanno indotto il presidente della Camera, Gianfranco Fini, a sospendere la seduta fino alle 19. Alla ripresa dei lavori, Fini ha chiuso definitivamente la giornata aggiornando la seduta a domani.

No del Senato, con voto a scrutinio segreto, alla richiesta di arresti dmiciliari per il senatore Alberto Tedesco (ex Pd) avanzata dalla magistratura nell’ambito dell’inchiesta sulla sanità in Puglia. I voti favorevoli agli arresti sono stati 127, i contrari 151, gli astenuti 11.

L’esito del voto su Papa ha gelato l’aula della Camera. Sulle prime, nessuno, né dai banchi della maggioranza né da quelli dell’opposizione, ha proferito parola, né tantomeno ha applaudito: la lettura del risultato da parte di Fini è stata accolta con un silenzio assoluto. Il primo ad alzarsi in piedi e ad uscire dall’aula è stato proprio Papa, cui è andato incontro il collega Renato Farina, che gli ha messo una mano sulla spalla e lo ha accompagnato fuori dall’aula.

“MI SENTO PRIGIONIERO POLITICO”. “Mi sento prigioniero politico, prigioniero della politica – dice Alfonso Papa – C’è una totale inusualità in quello che è accaduto. Mi sembra il trionfo del giustizialismo. Sono assolutamente sereno anche perché sono vittima di un grandissimo abuso. Un giorno si parlerà di questa indagine e poi ognuno trarrà le sue conseguenze. Sono fiero ed orgoglioso di avere goduto della fiducia di Berlusconi – aggiunge Papa, che ha parlato con il premier dopo il voto – Il presidente Berlusconi è una persona straordinaria, eccezionale. Mi è stato vicino dall’inizio di questa storia”.

BERLUSCONI: “E’ UNA VERGOGNA”. Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha battuto la mano sul tavolo, facendo una smorfia di disappunto. Poi ha lasciato l’Aula senza parlare, nel silenzio quasi surreale del Transatlantico, ed è andato nella sala del governo di Montecitorio insieme al neosegretario del Pdl, Angelino Alfano, e a molti ministri del partito. “E’ una vergogna, una vera vergogna – ha detto il premier che, dopo non molto, ha lasciato la Camera – Noi siamo dei veri garantisti e abbiamo votato contro l’arresto di Tedesco». Il premier ha spiegato che la linea del Pdl non cambia, anche se quello che è accaduto oggi sul caso Papa «è una vera vergogna”. “È stato un voto liberticida, la maggioranza alla Camera si è assunta una grande responsabilità”, ha detto il capogruppo del Pdl, Fabrizio Cicchitto, lasciando l’Aula di Montecitorio.

MARONI: “NOI COERENTI”. “Siamo coerenti” ha detto il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, commentando il voto. Ai cronisti che gli domandavano se la Lega avesse votato a favore della richiesta dei magistrati, Maroni ha risposto: “Assolutamente sì, come avevamo detto”.

BERSANI: “LEGA DETERMINANTE”.
“Si è votato in modo serio valutando nel merito. – dice il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani – La Camera ha votato con coerenza e questo rassicura perché dimostra che i tentativi di richiamo all’ordine hanno dei limiti. C’è un risvolto politico in questo voto, la maggioranza rifletta. In altri tempi il richiamo al vincolo di maggioranza avrebbe funzionato ma in questi tempi è evidente che qualcosa si è rotto. La Lega è quella che ha fatto la differenza sul voto ed è da registrare che in altri periodi il vincolo di maggioranza sarebbe stato rispettato, mentre questa volta non è andata così”.”Abbiamo accolto il voto senza esultanza, ma in modo sobrio, visto che si tratta di una misura di custodia cautelare. – dice il capogruppo del Pd alla Camera, Dario Franceschini – Duecentosei deputati del Pd su 206 hanno votato in modo compatto, mentre trenta deputati di maggioranza hanno votato per l’arresto”.

FLI: “CAMBIATA LA POLITICA ITALIANA”. “È cambiata la politica italiana. Roberto Maroni con la sua presenza ha condizionato il voto della Lega – dice il deputato di Fli Nino Lo Presti – Da oggi non sarà più come prima. Ora possiamo dire addio al “cerchio magico”, perché ormai è Maroni che guida la Lega”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico