Caserta

Bando per direttore Ufficio di Piano: interrogazione di Pd, Speranza e Fli

PdCASERTA. Con una interrogazione, a cui nelle ultime ore hanno già aderito anche Speranza per Caserta e Fli, il gruppo consiliare del Partito Democratico, chiede al sindaco Pio Del Gaudio …

… e all’assessore alle Politiche Sociali Emiliano Casale se la decisione di procedere alla selezione di un Direttore esterno per l’Ufficio di Piano sia “opportuna, coerente con il corretto impiego delle risorse, rispettosa della linea di rigore perseguita dal Comune di Caserta e dichiarata nei verbali del Coordinamento istituzionale del periodo da novembre 2010 fino all’avvento di questa amministrazione”.

L’interrogazione ricorda che “la decisione di indire un bando di evidenza pubblica sovverte completamente una precisa indicazione emanata alla fine del 2010 dal Coordinamento Istituzionale, presieduto dal Sindaco di Caserta, di utilizzare al massimo le risorse interne, per ridurre al minimo la spesa stanti le persistenti difficoltà economiche. In tal senso il C.I. raccolse la disponibilità del Comune capofila a rendere disponibile proprio personale” e che “sotto la presidenza del Commissario prefettizio Mattei, nominato in seguito allo scioglimento del consiglio, il C.I., nella seduta del 21.1.2011, ha deliberato, tra l’altro, di non procedere all’individuazione di un Coordinatore esterno dell’Ufficio di Piano e di gravare di tale compito il Dirigente del settore Politiche sociali del Comune di Caserta, al fine di conseguire una notevole economia destinabile ai servizi sociali”.

A ciò si aggiunga che la quarta commissione Politiche Sociale venerdì ha verbalizzato la richiesta al Sindaco ed all’assessore competente di “rivedere la decisione di individuare un Direttore esterno all’Ufficio di Piano, proprio in virtù della difficile situazione economica descritta, e di rivolgere l’attenzione alle professionalità interne al Comune Capofila”.

Per questo motivo, scrivono Pd, Speranza e Fli, “non è comprensibile la logica, se non in una dinamica di tipo prettamente clientelare, per cui si siano modificate le corrette determinazioni assunte dal C.I. sotto la presidenza del Commissario prefettizio, rinunziando al beneficio di quel saggio provvedimento per procedere ad una nomina inutile e dispendiosa, per compiti che possono soddisfarsi, come sono stati ultimamente soddisfatti, nell’ambito delle mansioni del Dirigente di settore o di altra professionalità da individuare all’interno dell’Ente. Ciò è tanto più rilevante per la città di Caserta, su cui gravano oltre i 2/3 dell’onere complessivo dell’ambito; senza contare la palese contraddizione tra la carenza di risorse, da tutti sbandierata, e lo spreco che da codesta decisione consegue”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico