Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Martinelli: “Dopo il dissesto tutti dovranno pagare le tasse”

Pasquale MartinelliCASAL DI PRINCIPE. Un solo argomento in discussione, l’ormai famoso punto 8 della precedente seduta – “Debiti fuori Bilancio – Provvedimento” – rimasto indiscusso perché aggiunto in un secondo momento all’ordine del giorno e risultato allora non notificato ad alcuni consiglieri comunali.

La seduta odierna ha provveduto ad approvare quel punto. Ha insomma registrato il sì e il voto compatto della maggioranza, e l’abbandono dell’aula da parte della minoranza. “I lavori comunali di oggi – questo il primo commento del sindaco Pasquale Martinelli – sono stati la dimostrazione plastica dell’attuale realtà amministrativa in cui, da una parte, c’è una maggioranza che lavora per il paese e ‘pensa comune’ e, dall’altra parte, c’è un’opposizione brava soltanto a dire bla bla, a rimasticare argomenti e pretesti già usati mille altre volte e a ripeterli stancamente per prendere tempo e fuggire dalle responsabilità. Tanto è vero che, prima del voto finale, la minoranza ha abbandonato l’aula”.

Il sindaco Martinelli ha ironizzato sull’opposizione che “per bocca del consigliere Daniele Di Sarno, prima sollecita il riconoscimento dei debiti fuori bilancio e poi, al momento di farlo, anziché discuterne abbandona l’aula. Un bel modo per dimostrare che l’opposizione ormai è schierata sempre e pregiudizialmente contro, compreso lo stesso Di Sarno che io stesso avevo delegato al contenzioso e che, personalmente, ha toccato con mano il problema del debito comunale, dei pignoramenti, della cattiva gestione finanziaria di questo comune così come sta emergendo dalla nostra attenta disamina”.

Fin qui, gli aspetti e le ragioni della politica scaturiti da una solita giornata di dibattito consiliare; resta, ora, da dire sul lavoro effettivamente compiuto e da compiere: la seduta, sottolineano dalla maggioranza, “ha di fatto normalizzato l’assetto contabile dell’ente, facendo emergere passività che in passato sono confluite in una sorta di contabilità separata. Ora è molto atteso il lavoro del collegio dei revisori, a cui spetterà predisporre un documento puntuale sulla totalità degli aspetti finanziari, in particolare su altre criticità, sulla gestione di liquidità, circa eventuali residui attivi, etc.Fino al prossimo consiglio comunale in cui sarà effettivamente dichiarato il dissesto”.

“Una volta dichiarato il dissesto – è ancora il sindaco Martinelli a parlare – allora sì, in questo paese dovremo contemporaneamente avviare una grande opera di sensibilizzazione e d’informazione dei cittadini, far sì che tutti paghino le tasse e permettere che i loro contributi, i contributi di tutti possano segnare la svolta, la nuova Casale che vogliamo, i servizi che sono necessari, il paese che si sviluppa; mentre la politica casalese dovrà trovare la forza e la voglia di dialogare, di non pensare al proprio giardino ma di condividere responsabilità e volontà in nome degli interessi del paese”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico