Campania

Preziosi: “De Laurentiis volgare”. E il Codacons chiede multa per patron azzurro

Preziosi-De Laurentiis“Un’ azione disciplinare nei confronti di De Laurentiis? Personalmente la auspico”. Così il presidente del Genoa Enrico Preziosi ha risposto ad una domanda sulla reazione del patron azzurro al sorteggio dei calendari dai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli.

“Non è ancora entrato nel nostro mondo, probabilmente continua a fare ciò che fa nel mondo dello spettacolo. Ma il calcio è diverso dal cinema. Dico all’ amico Aurelio: basta, hai un po’ stufato con queste esternazioni. Essere presi a parolacce, aggiungendo che solo lui sa fare tutto e che tutti gli altri non valgono niente, è una cosa che non va bene. Abbiamo bisogno di toni più bassi e di essere tranquilli”.

“Così non si da una buona immagine del calcio – ha aggiunto Preziosi circostanziando le sue critiche a De Laurentiis – non capisco il perchè di quel gesto, quando si entra nella volgarità non va bene, non si può esternare in quel modo quando sei un personaggio pubblico che rappresenta una città come Napoli. De Laurentiis ha sbagliato e deve chiedere scusa alle persone cui ha rivolto tutti quegli insulti. Non mi è piaciuto niente del suo atteggiamento. Le sue parole rivolte ai colleghi presidenti non sono state civili, mi aspetto un atto distensivo per non iniziare il campionato in questo modo”.

“Non è la prima volta che De Laurentiis, nell’intento di portare qualche innovazione nel mondo del calcio, alla fine porta qualche volgarità di troppo e qualche problema in più – ha detto ancora Preziosi – la fama del mondo del calcio forse lo ha colpito più di quella che gode nel mondo dello spettacolo e non sa ancora gestirla. Il calcio ha una visibilità illimitata, che va oltre confine. Le sue dichiarazioni si esportano via internet e non. Rappresentare il nostro mondo in quella maniera non è il massimo. Io gli consiglio di tranquillizzarsi, se ha qualcosa da dire lo faccia nelle sedi opportune, ma nello stesso tempo sia più conciliante con questo mondo, altrimenti farebbe davvero bene a pensare di tornare al cinema, che forse è il suo mondo ideale”.

“De Laurentiis anche in Lega ci fa sentire come persone che non hanno capito niente della vita. Molto spesso Aurelio è irritante, durante le discussioni di Lega se ne esce proclamando di farsi i campionati suoi. Se ti senti il Padreterno sceso sulla Terra, Aurelio, cerca di capire che questa Terra è abitata da gente che ha dei modi che si possono magari cambiare, si possono dissipare le ombre, ma nello stare insieme ci deve essere il rispetto come base”.

Infine, quanto ad una possibile azione disciplinare nei confronti del presidente del Napoli, Preziosi ha detto: “Personalmente la auspico. Se ascoltiamo gli altri presidenti dei club che fanno le coppe, nessuno ha esternato disappunto mancando di rispetto ai colleghi”.

Il colpo di scena di ieri di Aurelio De Laurentiis, che per allontanarsi dal sorteggio del calendario di serie A ha fermato un giovane in scooter e si è fatto dare un passaggio, senza però indossare il casco, potrebbe costare al presidente del Napoli una multa da parte della Polizia Municipale. Il Codacons, dopo aver visionato le immagini dell’accaduto trasmesse in queste ore, si è rivolto ai Vigili urbani di Milano, chiedendo di elevare una sanzione nei confronti del produttore cinematografico.

“Salire su uno scooter senza casco è prima di tutto una violazione del Codice della Strada, che va punita con le sanzioni previste – afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi – In secondo luogo, il comportamento di Aurelio De Laurentiis appare particolarmente diseducativo, specie per i giovani, considerato il numero di ragazzi che ogni anno riportano ferite anche gravi per non aver indossato il casco alla guida di un motociclo”. “Per tale motivo e sulla base delle immagini di dominio pubblico che attestano la violazione – conclude Rienzi – chiediamo alla Polizia Municipale di Milano di elevare la multa prevista dal Codice nei confronti di De Laurentiis, senza fare sconti di sorta, così come vengono multati i normali cittadini quando non indossano il casco”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico