Campania

Estorsioni, scarcerato l’imprenditore Aniello Caturano

Aniello CaturanoCASERTA. E’ stato scarcerato nel tardo pomeriggio del 15 luglio, per mancanza di gravi indizi di colpevolezza, l’imprenditore Aniello Caturano, 40 anni di Maddaloni, colpito lo scorso 4 luglio da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per estorsione aggravata dal metodo mafioso.

L’imprenditore, fratello del consigliere provinciale Antimo Caturano, ha sempre respinto le accuse davanti algip. Soddisfatti i difensori di Caturano, gli avvocati Gennaro Iannotti e Luigi Ricciardelli, le cui tesi difensive hanno trovato pieno accoglimento

Caturano era stato arrestato – assieme ad Aldo Cristiano, 57 anni, nativo di San Cipriano e residentea Caserta, Antonio Santamaria, di 36 anni, di Cancello e Arnone, e Vincenzo Tummolo, di 25 anni, anche lui di Cancello e Arnone, -conl’accusa di estorsione ai danni di un imprenditore edile di Cancello ed Arnone.Secondo gli investigatori, sarebbe stato imposto all’imprenditoreil pagamento di una fornitura di cemento armato per la costruzione di un’abitazione privata. Ma il materiale era di qualità scadente e non rispondente alle caratteristiche per aree ad alto rischio sismico, pertanto il pagamento era stato sospeso. Da qui le intimidazioni rivolte all’imprenditore, aggravate dall’appartenenza al clan dei casalesi.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico