Caiazzo - Castel Morrone - Piana di Monte Verna - Castel Campagnano - Ruviano

Castel Morrone, Unione Civica: “Amministrazione Scaricabarile”

Unione CivicaCASTEL MORRONE. Si è svolto martedì 5 luglio, presso la sede del comune di Castel Morrone un consiglio comunale, convocato in seduta straordinaria.

All’ordine del giorno, tra le altre cose, vi erano le risposte alle interrogazioni presentate dal consigliere di minoranza Aniello Riello. Due delle quattro interrogazioni, riguardavano l’abbandono e il degrado in cui versa il sito di Monte Castello e l’assenza di un presidio di guardia medica sul territorio morronese.

L’amministrazione comunale, nella persona del sindaco, per quanto riguarda la questione Monte Castello, ha spiegato che l’attuale stato di degrado in cui versa l’eremo è dovuto alla mancanza di fondi; ha tenuto a precisare però che sono stati già fatti dei piccoli interventi e che è stato erogato un finanziamento dalla regione Campania di 90 mila euro. Il consigliere dell’Unione Civica, nonché esponente delPd, Aniello Riello, si è però detto insoddisfatto della risposta ricordando che da circa un paio di anni, con una serie di comunicati stampa diramati dalla stessa amministrazione, vengono annunciati, evidentemente solo a fine propagandistico, “lavori importanti e radicali” sull’eremo che però non hanno mai visto la luce. Inoltre attualmente non si provvede neanche all’ordinaria manutenzione. “Come tutti infatti possono notare, – spiega Aniello Riello – l’amministrazione comunale non ha sostituito le tegole rotte e la finestra divelta, non ha fatto installare le grondaie e i pluviali, così l’acqua piovana continua a penetrare all’interno della chiesa e a scorrere sui muri, non ha provveduto a rimettere a posto l’impianto elettrico e le misure di sicurezza”.

Infine il consigliere di minoranza ha esortato l’amministrazione ad una maggiore attenzione verso il sito di Monte Castello, vero e proprio simbolo dell’identità morronese. Per quanto riguarda invece l’assenza di un presidio di guardia medica sul territorio morronese, il sindaco ha addebitato la responsabilità della mancanza di un presidio di guardia medica alla riorganizzazione sanitaria regionale e provinciale, mostrando i vari contatti avuti con gli organi sanitari preposti; e ha espresso le sue perplessità circa l’effettiva importanza di tale presidio. Anche queste risposte, però, non hanno convinto il consigliere Aniello Riello che nella sua replica ha sottolineato l’importanza di una guardia medica per il cosiddetto “primo soccorso”, soprattutto per un paese come Castel Morrone lontano da presidi ospedalieri e poi ha tenuto a precisare con forza che la comunità morronese chiede insistentemente questo servizio e che l’amministrazione non doveva assolutamente consentire la sua chiusura.

Con un colpo di scena finale il sindaco ha allora dato ufficialmente l’incarico allo stesso consigliere di minoranza Aniello Riello di cercare di riportare il presidio di guardia medica in paese. Il primo cittadino ha tenuto a precisare che che non si tratta di una provocazione, ma, come affermano dal gruppo consiliare dell’Unione Civica, “sicuramente dell’ennesimo scarico di responsabilità”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico