Aversa

La chiesa del Carmine: un oblio che dura da troppo tempo

Chiesa del CarmineAVERSA. Si erge maestosa, spunta da dietro palazzi vecchi appena ristrutturati e che le tengono compagnia, la circondano.

Ma Essa è rimasta così com’era, piena di “rughe” è la sua facciata, solchi nelle mura sono le sue “spalle”, corpo cadente sono le sue “fondamenta”, le sue mura forti di secoli di storia la sostengono…ma fino a quando mi chiedo? La vedo da sopra un terrazzo che, si affaccia proprio di fronte a essa, mi è venuta voglia di ritrarla e farle una foto, una semplice foto, niente di che! La sua mole è devastante, nel senso più positivo del termine. La sua “cupola” sovrasta tutto, arriva fin dove lo sguardo si perde, ne avevo già parlato tempo fa e, avevo ricordato di questa nostra grande “eredità”.

La Chiesa del Carmine, ma sarebbe corretto dire “Il Complesso Monumentale del Carmine”. Il suo grido è silenzioso, non lo si può udire, ma se ti trovi a passare da quelle parti, ti poni ai suoi piedi e non puoi far a meno di non notarla. La guardi, ti entra nelle orecchie la sua voce, forse è una sensazione, ma penso non sia solo un’impressione.

Ci si chiede, com’è possibile, con quale coraggio si lascia cadere a terra nella polvere, una bellezza così straordinaria? Sarebbe davvero bello restituirla al culto, renderla felice con tante “genti” che, la vanno a visitare e restano estasiati, ammaliati dalla sua “maestosità”. Chiese di Aversa, ne sono 100, ma quante giacciono in questo stato di abbandono? Troppe, tante. Ora se ne parla, qualcuno prevede progetti per farla rivivere, abbiamo ascoltato, ho sentito, vorrei che, le parole dette non fossero come il vento che, da troppo tempo accarezza il “Cupolone” del Carmine senza lasciare traccia del suo passaggio, lasciando solo un po’ di polvere e nulla più. Si parla di Aversa “città turistica” e poi, non si tiene conto di questo monumento e come lui, della chiesa di San Domenico e poi ancora tante altre “perle” della nostra storia tenute in un “limbo” nascoste, quasi a vergognarsi del loro “stato” di abbandono.

Chi ha potere, chi può decidere di cambiare le cose, non aspetti altro tempo ancora, agisca presto e subito. Intanto, ritorno sul terrazzo di fronte alla chiesa del Carmine, la foto che ho fatto è bella, ma preferisco ammirare e guardare, almeno quello che ne rimane sperando che non cada solo questa mia speranza, ma che soprattutto non cada nell’oblio questo nostro meraviglioso monumento.

di DONATO LIOTTO

“Parole Sante – Carmenielle e Dummì duje Sant terremotate”

San Carmine: Ne Dummì..comme staje?

San Domenico: Carmeniè..che piacere. Io stò b’buone..oddio, putesse stà maglje ma, nun mme pozze allamentà.

San Carmine: O’ saccie, te veche, a coppe o “ Cupolone mije ” veche tutt’Averza a verità.. tiene pure nu bell’aspette. Pare che, a vicchiaje a te, se spose cù ‘o vine?

San Domenico: Carmeniè, tu pazzje ? Si è overe..e faccia, pare che stonghe b’buone? Ma è meglio si te firme c’ccà ! Nientidimeno, si trase a parte è rinte.. subbete se capisce qual’ è a verità.

San Carmine: Jamme me, nun t’allamentà. Meglio nu b’buone vise annanze e, nà speranze pe dimane. Pure si arrete staje arruvinate..almena a faccia te l’anna accunciata.

San Domenico: Guard..proprio pecchè si tu a parlà, mè piglio stù consiglio, sule a te guardà faje n’bressione. Ma che t’anne cumbinate.. è te, se so proprio scurddate? Almene a m’me, hanne fatte finte è m’accuncià.

San Carmine: Già, pare che è proprio accussì? Ma comme te diceve io, spere ancora. Chissà.. n’anema b’bonna, primme o a roppe m’addà nutà.

San Domenico : Sai che te diche Carmeniè : si nun te notane a te? Allora nuje che, simme assaje cchjù piccerille , cè putimme pure rassegnà.

San Carmine: Invece no Dummì! Facimme accussì :Tutte assieme, ajezzamme a voce e facimmece sentì. Vire che, se sfastrejene è cè sentì e, finalmente è porte e chesti chiese abbandonate, ospitane nata vote a gente e Dio.

San Domenico: “Parole Sante” Carmeniè. C’cà, overe cè vulesse nu miracolo. Nuje è overe simme Santi, nà mana a putimme pure dà ma, per il resto, cè vò tanta..ma tanta buona volontà!

San Carmine: Overe, o miracolo sule a gente è Dio, si crere e tene volontà..allora si che sé po’ fa. Nuje simme Santi, che putimme fa? Tenga a capa che me pesa, speriame fanne ambresse..altrimenti pura a Cupola senne care e, cù essa, tutte e speranze noste. Cumpagnje mije..c’à nuje simme overe Santi..ma Santi terremotati!

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico