Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Pescopagano, consacrata la chiesa di San Gaetano Thiene

 MONDRAGONE. “Spirito Santo riempi questa casa della presenza di Dio e rendi questa chiesa beata, solidale, santa”.

Queste sono state le parole pronunciate dal vescovo di Sessa Aurunca, Antonio Napoletano, il quale ha preso parte e officiato i riti di consacrazione e dedicazione della chiesa di San Gaetano Thiene a Pescopagano di Mondragone.

A chiusura della settimana di visita pastorale del vescovo presso la chiesa di San Gaetano e presso l’Istituto della Piccola Casetta di Nazareth “La Stella degli Angeli”, ieri mattina con l’aspersione dell’acqua benedetta e l’unzione dell’altare e delle croci, nonché con l’apposizione e svelatura di una targa commemorativa dell’evento e con il volo di colombi, tra rumorosi e roboanti fuochi d’artificio, si è dato il via ad una nuova pagina religiosa per tale struttura ecclesiale.

In un clima spirituale e di festa, il parroco della Piccola Casetta di Nazareth don Guido Cumerlato, coadiuvato da don Franco Leone e dai sacerdoti e diaconi della diocesi di Sessa Aurunca, nonché dal seminarista Gianfranco Maisto e alla presenza del superiore della Pcn, don Ciro Isaia, ha sintetizzato in un rito religioso i sacrifici, la volontà, il traguardo raggiunto da una comunità religiosa, che si è battuta e si batte per creare un’isola di speranza e di attivismo in una località urbana nota per i suoi disagi strutturali e urbanistici. Proprio dal vescovo Napoletano, durante l’omelia, è stato sottolineato il suddetto aspetto, innanzi alle autorità presenti: il consigliere provinciale del Pdl, Giovanni Schiappa, il capogruppo consiliare del Pdl in Regione Campania Daniela Nugnes, ed altri ospiti invitati all’evento.

“Questa comunità, fatta di famiglie operose, associazioni e fedeli, – ha precisato monsignor Napoletano – che lottano quotidianamente contro i disagi e contro una realtà urbana dissestata, rappresenta l’umile grido che viene innalzato e accolto dalla chiesa e viene indirizzato verso le autorità, affinché Pescopagano cresca e migliori nelle sue condizioni strutturali”.

Poi tornando al rito di consacrazione, mons. Napoletano ha esaltato l’attività svolta dall’organizzato consiglio pastorale, rappresentato a sua volta dal direttore Nicola Maisto, il quale ha fatto gli onori di casa e concluso la celebrazione con un proprio intervento, per ringraziare il vicario della chiesa sessana di essere stato per una settimana in mezzo alla comunità di Pescopagano.

Don Guido Cumerlato, invece, a conclusione dell’omelia ha ringraziato la Piccola Casetta di Nazareth, i propri genitori e l’intera famiglia di Pescopagano. Poi ha sintetizzato così la giornata di consacrazione della chiesa di San Gaetano: “Eccellenza, la nostra chiesa non è l’ultima chiesa che lei consacra, ma la sintesi di tutte le chiese della forania di Mondragone”. Subito dopo la Santa Messa, vi è stato anche un nutrito rinfresco offerto dalla parrocchia, che ha messo a disposizione della comunità italiana e di quella africana un servizio catering con i ragazzi della chiesa.

clicca per

ingrandire

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico