Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Londra 2012, Clemente Russo accolto in Comune

Clemente Russo premiato dal sindaco TartaglioneMARCIANISE. E’ uno dei pluri-medagliati campioni espressi dalla città di Marcianise: campione mondiale; medaglia d’argento alle Olimpiadi di Pechino 2008, nonché il primo italiano ad essersi qualificato per partecipare alle Olimpiadi di Londra del prossimo 2012.

Si tratta di Clemente Russo, pugile di fama mondiale, che mercoledì 15 giugno è stato accolto dal sindaco Antonio Tartaglione, e dall’amministrazione nella sala giunta del Comune. La fascia tricolore ha fatto, a nome della città, le congratulazioni a Russo per la sua terza qualificazione consecutiva ad un’Olimpiade.

All’incontro presenti gli esponenti dell’Assise, oltre a: Mimmo Brillantino, maestro di pugilato; Alessandro Tartaglione, presidente dell’Asd Excelsior; Mimmo Raucci, vicepresidente;ed Angelo Musone, consigliere nazionale della federazione pugilistica italiana, ex olimpionico, nonché presidente degli arbitri giudici nazionali di boxe.

Nel suo intervento, il sindaco Tartaglione ha affermato: “Sono onorato di poter dare il benvenuto a tutti. Un ringraziamento particolare va certamente agli amministratori ed agli sportivi presenti, ai vertici della palestra Excelsior, a Mimmo Brillantino, ad Angelo Musone, ed ai giornalisti che con il loro intervento attestano ogni volta la gradita attenzione che riservano al nostro territorio. Ovviamente il ringraziamento più sentito va a te, Clemente.

Caro Clemente, tu sei un atleta, orgoglio di questa città. Con le tue imprese sportive e con i tuoi brillanti successi, hai dato lustro a Marcianise, e di questo Marcianise ti è grata, e per questo ti rende onore. Accanto ai nuovi talenti che la città continua ad esprimere, tu, insieme ad altri campioni, rappresenti una certezza inossidabile ed una conferma costante. Con i risultati che continui a conseguire, hai smentito chi malignamente credeva che l’allargamento degli orizzonti professionali di un atleta corrispondesse alla sua fine sportiva. Hai dimostrato come l’impegno, la volontà, i sacrifici ed il duro allenamento ripaghino sempre, regalando a te ed a noi, soddisfazioni immense, e vittorie da acclamare.

 Tu, Clemente, porti nello sport i valori cardine della nostra comunità, una comunità abituata a lavorare sodo, a rimboccarsi sempre le maniche, a non arrendersi dinanzi alle difficoltà ed a giovarsi solo dei frutti derivanti dalla propria fatica. Certo, se ad ogni nuova stagione sportiva riusciamo a gioire per i brillanti risultati conseguiti dai nostri consolidati campioni o dalle nuove leve significa che, se è vero che indiscutibile è il talento dei nostri pugili, altrettanto indiscutibile è la preparazione ed il ruolo chiave di un’altra eccellenza di Marcianise: i maestri e le palestre in cui essi operano. In questa filiera che trova la sua naturale punta di diamante in Clemente, anche noi amministratori dobbiamo fare la nostra parte, valorizzando, attraverso i fatti e non soltanto a parole, l’eccellenza rappresentata a Marcianise dal pugilato, e dallo sport in generale. Come saprete, un passo in tal senso lo abbiamo fatto.

Dopo svariati anni, abbiamo acquisito al patrimonio comunale l’ex canapificio, e lì costruiremo un palazzetto dello sport a vocazione prevalentemente pugilistica. Lì i nostri campioni potranno fruire di una struttura assolutamente adeguata e delle attrezzature più idonee. Lo sport rappresenta per noi un settore importante dell’ azione amministrativa. Per questo stiamo valorizzando il patrimonio che abbiamo ereditato, riqualificando strutture versanti nel degrado e rivitalizzando impianti finora nel più totale abbandono. Marcianise ormai potrebbe essere definita la capitale dello sport di Terra di Lavoro, e centro importante nel panorama nazionale.

 Quello che abbiamo fatto per contribuire a tale risultato, è stato fatto perché noi crediamo nelle potenzialità dello sport in quanto importante veicolo di educazione e di formazione dei nostri giovani, e crediamo che Marcianise possa essere la terra da cui lo sport, ultimamente sporcato da alcune note ed incresciose vicende, possa davvero ripartire.

Marcianise, diversamente da chi vuole indicarla come una terra della camorra, è invece una terra abitata da persone abituate a fare, ed a fare bene, a vivere nella piena legalità e nel rispetto dell’intera comunità”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico