Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Al “Quercia” una serata di teatro greco antico

 MARCIANISE. Giovedì 9 giugno, alle ore 20.30, nel cavedio del Liceo “Quercia” di Marcianise, il Laboratorio Teatro Greco Antico del liceo classico presenta Eros e Thanatos, una rapsodia sul tema dell’amore come dono di sé e come follia devastante.

E’ la prima volta che gli studenti dell’istituto diretto da Diamante Marotta si cimentano nel teatro greco e lo fanno con testi di Platone, Sofocle ed Euripide, tradotti, riadattati e sceneggiati dalle loro docenti, le professoresse Maria Adelaide Cusano, Loredana Ferrigno, Maria Luce Porceddu e Giulia Rocco. A coordinare il lavoro dei 37 ragazzi, che si sono divisi tra coro, filosofi ed eroine dell’amore, Massimo Santoro e le stesse docenti del liceo classico. Con una lunga esperienza nelle rappresentazioni di tragedie greche, Santoro è noto agli addetti ai lavori anche per aver partecipato, primo in provincia di Caserta, all’importante rassegna di teatro antico di Siracusa e per essere unanimemente riconosciuto un punto di riferimento della cultura classica in Terra di Lavoro.

Nata dall’idea di voler confrontare sul tema universale dell’amore le due più sublimi creazioni dello spirito greco, la poesia e la filosofia, la rapsodia si svolge nel contesto di un immaginario convito, in cui il filosofo Socrate, insieme ai suoi discepoli, indaga su ciò che è bene e su ciò che è male nell’amore. I poeti Sofocle ed Euripide, invece, per bocca delle loro eroine, rappresentano il conflitto lacerante tra il desiderio del bene e la forza del male. Nella cornice del dialogo di Platone più esplicitamente “erotico”, il Simposio, le eroine di Sofocle ed Euripide, Deianira, Al cesti e Fedra, incarnano il multiforme sentimento dell’amore, inteso come dono di sé, come diritto e come violazione.

A fare da scenografia quattro grandi maschere tragiche ed otto ceppi di legno. Le musiche che accompagneranno la recitazione sono state selezionate da Santoro. I costumi sono stati confezionati dagli stessi allievi. Un cammino appassionante, che ha coinvolto studenti, docenti e dirigente scolastico, che giovedì sarà condiviso con il pubblico, in una serata che si annuncia emozionante.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico