Lusciano

Rifiuti, i sindaci chiedono tavolo di confronto in Prefettura

 LUSCIANO. Si è svolto presso la sala consiliare della casa comunale di Trentola Ducenta un incontro tra i sindaci di gran parte dei comuni dell’Agro aversano afferenti al Consorzio di bacino per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

Lo scopo era affrontare in maniera comune le criticità in merito al servizio di raccolta differenziata. All’incontro erano presenti il sindaco Fattore e gli assessori Mariniello e Di Lauro per il comune di Lusciano, il sindaco Tamburrino del comune di Villa Literno, Martinelli e Madonna, rispettivamente sindaco ed assessore del comune di Casal di Principe, il sindaco di Parete Vitale e l’assessore Tamburrino, il sindaco di Casapesenna Zagaria e quello di Carinaro Masi, oltre, naturalmente, al padrone di casa, il sindaco di Trentola Ducenta, Michele Griffo.

Oggetto della discussione la funzionalità e l’efficienza del servizio prestato dal Consorzio specialmente per quanto riguarda la raccolta differenziata, particolare di non poco conto atteso che in gran parte dei comuni presenti all’assemblea non si rispetta il limite minimo di raccolta differenziata fissato al 35 per cento il che comporta una aggravio di spesa per i comuni inadempienti di circa quaranta euro a tonnellata di rifiuti sversati, che tradotto in numeri significa un esborso medio per comune di circa cinquecentomila euro annui, che vanno a gravare sui cittadini. Si sono affrontate, inoltre, le problematiche relative ai costi del servizio, anche in relazione all’efficienza dello stesso e il rapporto con la Provincia di Caserta e con la Gisec. Risultato della riunione, un coro unanime di proteste contro l’operato del Consorzio ritenuto inefficace, inidoneo, oneroso e soprattutto inefficiente.

Come atto conclusivo della riunione è venuto fuori l’incarico al sindaco Griffo di chiedere al Prefetto di Caserta di creare un tavolo istituzionale di cui facciano parte, oltre ai sindaci interessati, lo stesso Prefetto, il presidente della Provincia di Caserta Zinzi, il presidente della Gisec, Di Persia e il Commissario liquidatore, Farina, per cercare soluzioni immediate e drastiche alle problematiche esposte. Forte è stata la critica all’operato del Consorzio ritenuto incapace di offrire garanzie circa un adeguato svolgimento del servizio di raccolta dei rifiuti tanto da far sorgere in molti sindaci la volontà di fuoriuscire dallo stesso e di intraprendere atti legali per i danni arrecati alle casse comunali.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico