Caserta

Pd: “No al dissesto finanziario”

Carlo MarinoCASERTA. “No al dissesto finanziario al Comune di Caserta”. Il gruppo consiliare del Partito Democratico critica l’orientamento manifestato dal sindaco Del Gaudio a favore della dichiarazione del dissesto, …

… “che ogni giorno prende sempre più corpo, sempre velatamente e mai apertamente”. Il candidato sindaco Carlo Marino, il capogruppo Franco De Michele e i consiglieri Rino Zullo ed Enrico Tresca hanno incontrato il segretario cittadino, Mauro Desiderio, e rilanciano la posizione del Pd assunta con coerenza sin dall’inizio della campagna elettorale: “Siamo contrari a ogni ipotesi di dissesto, equivarrebbe a una sconfitta della politica e poi ci sono i margini per invertire la rotta. Noi siamo per una seria assunzione di responsabilità dell’amministrazione e della classe politica. Bisogna dare avvio a un lungimirante piano di rientro finanziario, che non vuol dire lacrime e sangue per i casertani. Anzi, vuol dire rilanciare l’economia e sfruttare il federalismo demaniale: il Comune ha così la disponibilità di una serie di beni, su cui vanno approntati programmi di valorizzazione, senza svendere il patrimonio comunale, mentre va armonizzato l’utilizzo di altri beni già disponibili”.

I consiglieri del gruppo Pd chiedono chiarimenti al sindaco anche sui suoi ‘super-consulenti’. “Leggiamo sulla stampa che Del Gaudio ha affidato la ricognizione sullo stato delle finanze a dei tecnici di fiducia, tra cui Enzo Cioffi, come apprendiamo oggi dai giornali, e il fratello Alessandro. Ebbene, il primo è stato per anni presidente del collegio dei revisori dei conti dell’amministrazione Falco, il secondo è addirittura revisore in carica. C’è un evidente conflitto di interessi, il revisore ha per legge il ruolo di controllore dell’amministrazione, ma in questo caso fa tutt’uno con il controllato. Inoltre entrambi i fratelli hanno lunga esperienza tra i conti del Comune, cosa hanno ancora da verificare e da studiare? Sono loro che li avrebbero dovuti controllare da anni, a che titolo Del Gaudio li ha coinvolti? Sono state fatte per caso nomine che non conosciamo?”.

Per il Pd, mentre si pensa ai super-tecnici, nessuno parla delle conseguenze del dissesto finanziario: “Dichiarare il dissesto – spiegano i consiglieri – comporta una serie di ricadute nefaste per la città: la necessità di mettere in mobilità una parte del personale del Comune; il blocco delle nuove assunzioni, come quelle dei disabili, peraltro già previste; il freno a mano alle opere pubbliche e all’imprenditoria, assestando un altro grave colpo all’economia locale e inoltre un gravissimo stop alle politiche a sostegno delle fasce deboli dei cittadini, che si ritroveranno senza alcuno strumento di tutela. Uno scenario disastroso a cui il Pd si opporrà. Presenteremo in consiglio comunale una proposta alternativa e dimostreremo che non c’è bisogno del dissesto”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico