Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Minacce di morte all’ex sindaco Natale: solidarietà del Pd

Renato NataleCASALE. Una lettera di minacce quella ricevuta dall’ex sindaco di Casal di Principe Renato Natale, presidente dell’associazione “Jerry Essan Masslo” e noto attivista nel campo delle pari opportunità e dell’antirazzismo.

A Natale è stato intimato di non presentare denunce e non interessarsi di questioni riguardanti i lavori pubblici.”Noi non siamo ancora morti smettila di fare esposti altrimenti ti ammazziamo. Ricordati che hai moglie e figli”, scrivono gli ignori autori. Tuttavia, Natale si dice meravigliato: “Non mi interesso di questioni legate agli appalti da circa un anno e mezzo”.

All’ex sindaco è giunta la solidarietà di tutto il Partito Democratico casertano. “Siamo al suo fianco nella battaglia costante per la legalità e venerdì saremo tutti a Casal di Principe per una manifestazione di solidarietà a cui siamo tutti, dirigenti e militanti, chiamati a partecipare. D’altronde la telefonata del nostro segretario nazionale Pier Luigi Bersani che ha voluto sentire personalmente Renato conferma l’attenzione anche dei livelli nazionali nei confronti del territorio e nella lotta alla criminalità organizzata”, hadichiararloCiro Cacciola, commissario provinciale del Pd Caserta, che annuncia per venerdì 17 giugno alle ore 19 una manifestazione alla quale parteciperanno Enzo Amendola, Andrea Orlando, i parlamentari Stefano Graziano e Pina Picierno, il consigliere regionale Nicola Caputo, il capogruppo alla Provincia di Caserta Giuseppe Stellato, la coordinatrice provinciale Donne Pd Rosida Baia, sindaci, amministratori e militanti del Pd Caserta.

“Ho sentito Renato Natale per dargli la mia persona solidarieta’ dopo le minacce subite in queste ore. Presenteremo un’interrogazione parlamentare al ministro degli Interni, Roberto Maroni, per assicurarci che ci sia la giusta attenzione sulla vicenda“, commentaEnzo Amendola, segretario regionale del Pd Campania, che aggiunge: Renato Natale rappresenta un patrimonio non solo per il Pd ma per tutta la collettività. L’ex sindaco è uno dei principali protagonisti della lotta alla camorra in Terra di Lavoro – aggiunge Amendola -. Con la sua attivita’ politica ha fatto da scudo ai poteri criminali, mettendosi sempre in prima linea contro i tentativi d’infiltrazioni e condizionamenti della macchina comunale”. “In queste settimane – spiega Amendola – siamo stati a San Cipriano d’Aversa per inaugurare la nuova sede del Pd e ritorneremo nell’Agro Aversano per marcare una presenza molto forte sul territorio. Il Partito Democratico ha nel proprio dna il rifiuto dell’illegalita’ e continueremo senza sosta una battaglia di civilta’ per la rinascita della Campania e del Mezzogiorno”.

Per condannare la vile minaccia il Comitato Don Peppe Diana, Libera Caserta e il Centro di servizi per il volontariato Assovoce chiamano a raccolta tutti i cittadini che “non vogliono più abbassare lo sguardo dinanzi al linguaggio della violenza e del sopruso”. L’ appuntamento per esprimere indignazione e per esaltare il valore della denuncia in un’area in cui proprio il silenzio e l’omertà hanno provocato i danni maggiori, è previsto lunedì prossimo alle 19, presso la sede delle tre associazioni in Corso Umberto I. “La voce di Renato Natale è la nostra voce – affermano in modo corale i promotori dell’incontro – ed è la voce di tutti gli uomini e le donne oneste di questo territorio, che lavorano quotidianamente per il cambio di rotta”. Pronti a “prestare il fianco a qualsiasi iniziativa Natale voglia mettere in campo per esprimere la forza strategica che la cittadinanza attiva possiede nella lotta alle mafie”, Libera, Comitato Don Diana e Csv Assovoce invitano alla partecipazione tutti coloro che vogliono ricoprire un ruolo attivo nel riscatto della propria terra. “Le minacce subite da un nostro esponente di valore come Natale- sostengono i referenti delle associazioni- hanno come unico effetto quello di un’ aggregazione ancora più incisiva. Alle minacce indegne – concludono – rispondiamo con una cordata di solidarietà e di vicinanza ad ‘uno di noi’, sottolineando che quando Natale parla e denuncia non lo fa a nome personale, ma a nome di tanti cittadini che hanno deciso di non piegarsi alla forza criminale che offende il nostro territorio”.

Anche il sindaco Pasquale Martinelli esprime solidarietà a Natale: “Apprendo con dolore e dispiacere profondi della lettera minatoria recapitata a Renato Natale, ex sindaco di questo comune, esponente politico, collega e concittadino da sempre impegnato contro l’illegalità e sul fronte dell’impegno sociale e civile: a Lui indirizziamo i nostri più forti sentimenti di solidarietà. Manco a dirlo si tratta di un atto inaccettabile ed esecrabile che colpisce Renato Natale e. contemporaneamente un’intera comunità, quotidianamente impegnata a far emergere le qualità e le storie più belle della stragrande maggioranza dei cittadini, di contro alle pagine più cattive e crudeli della cronaca criminale. Al momento in cui parlo ancora non ci è dato conoscere i particolari del nefando gesto non sappiamo se appartiene a semplici imbecilli od a persone della criminalità organizzata; il gesto resta comunque terribilmente vergognoso e inaccettabile, per cui esprimo l’auspicio mio, dell’amministrazione comunale e di tutta la cittadinanza a che la Legge e la Magistratura, gli Inquirenti, facciano al più presto luce su autori e mandanti e sui perché. Tutti conoscono l’impegno di Renato Natale a favore della nostra comunità e della legalità, così come conoscono l’impegno mio personale e di questa compagine amministrativa a far sì che questo nostro amato paese possa recuperare la migliore convivenza e vivibilità e sanare del tutto la triste piaga dell’illegalità. Sono perciò preoccupato, molto preoccupato: per l’offesa terribile rivolta ad un nostro concittadino e alla sua famiglia e per il messaggio sbagliato che, purtroppo, in simili casi può insinuarsi nell’accaduto: un messaggio che potrebbe voler significare che i problemi di questa comunità sono ben lungi dall’essere risolti. Ma non è così! Chiedo perciò che si faccia subito chiarezza sul gesto e rivolgo un appello ai miei concittadini non solo a stringersi intorno a Renato Natale, ad esprimergli e rinnovargli la solidarietà più totale, ma anche a vigilare, a guardarsi intorno, a denunciare tutti quei comportamenti che fuoriescano dal solco della legalità: la fatica, gli sforzi, il cammino da noi intrapreso in questi ultimi anni non può essere vanificato dal gesto vergognoso di chi, vile ed anonimo, attenta alla vita e alla persona di un nostro concittadino. A tutto questo reagiamo con forza non lasciamo impuniti questi comportamenti: non vogliamo e non possiamo continuare a sprofondare nelle sabbie mobili dei luoghi comuni e dei pregiudizi che stiamo combattendo con forza e continueremo a combattere”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico