Campania

Patto Cosa Nostra-Camorra per trasporti mercati ortofrutticoli

 NAPOLI. Un accordo tra i clan siciliani di Cosa nostra e quelli della Camorra per ottenere il monopolio del trasporto dei prodotti ortofrutticoli, imponendo le ditte nei mercati di Aversa (Caserta), Giugliano (Napoli) e Fondi (Latina).

Due i provvedimenti di sequestro, eseguiti dalla Dia di Trapani, su richiesta della Dda di Palermo. Ad essere colpiti i beni dei fratelli Antonio e Massimo Antonio Sfraga, rispettivamente di 45 e 38 anni, imprenditori ortofrutticoli di Petrosino, nel Trapanese. I due erano stati arrestati nell’aprile scorso dalla Dia, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip di Napoli nell’ambito del procedimento “Schiavone Francesco +73”, perchè ritenuti responsabili di illecita concorrenza con minaccia o violenza, in concorso, con l’aggravante mafiosa.

Il sequestro segue l’attività investigativa svolta dalla Dia nell’ambito dell’operazione “Party”, che aveva delineato la contiguità degli Sfraga con ambienti della criminalità organizzata e specifiche responsabilità per i reati di usura e intestazione fittizia di beni. È anche emerso che i fratelli Sfraga, nella veste di referenti del sodalizio mafioso facente capo alle famiglie Riina e Provenzano, in concorso con altri soggetti – alcuni dei quali appartenenti al clan dei Casalesi – imponevano, sia nei mercati di Catania e Gela (Caltanissetta) e della Sicilia Occidentale, che nei mercati di Fondi (Latina), Aversa (Caserta) e Giugliano in Campania, le ditte che dovevano effettuare il trasporto su gomma dei prodotti ortofrutticoli, nelle tratte dalla Sicilia verso la Campania, il Lazio ed altre zone del territorio nazionale.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico