Sant’Arpino

PulciNellaMente, arrivano scuole dalla Puglia e dalla Sicilia

 SANT’ARPINO. Ultimi spettacoli in gara quelli in programma sabato nel corso della nona giornata della XIII edizione della Rassegna Nazionale di Teatro Scuola PulciNellaMente.

Come sempre, infatti, si concluderà nel penultimo giorno della kermesse il cartellone delle rappresentazioni, le migliori delle quali saranno premiate durante la cerimonia conclusiva di domenica mattina. Gli ultimi istituti a calcare le tavole del palcoscenico del Teatro Lendi, saranno il “Tannoja” di Bari, il “Telesi@” di Telese Terme, il “Torricelli” di Casandrino in provincia di Napoli, e il Liceo Scientifico “Croce” di Palermo.
Nel corso della mattinata, che come sempre sarà presentata da Enzo Russo, Carmela Bravaccino e Federica Oliva, spazio anche all’esibizione dell’ultimo Centro di Riabilitazione in gara, il C.D. “Integrazione” di Napoli. Si svolgerà, invece, nella fase “post- Rassegna”, l’incontro con il Testimonial di questa XIII edizione Vincenzo Cerami. Gli organizzatori di PulciNellaMente, Elpidio Iorio, Antonio Iavazzo e Carmela Barbato, a causa di impegni sopraggiunti ed inderogabili del grande sceneggiatore romano, hanno deciso di spostare questo appuntamento ed inserirlo nel ricco cartellone di eventi, che comincerà il 14 maggio con l’incontro con il Presidente Emerito della Corte Costituzionale, Francesco Paolo Casavola, per proseguire poi con il giornalista Paolo Brosio, i magistrati Raffaele Cantone e Gherardo Colombo. Intanto non nascondono la loro soddisfazione per quanto in corso al Teatro Lendi i rappresentanti dell’amministrazione comunale.
Il sindaco, Eugenio Di Santo, e l’assessore alla Cultura, Giuseppe Lettera, rimarcano “come PulciNellaMente sia un momento magico per Sant’Arpino tutta che con passione e coinvolgimento aspetta la dieci giorni che ogni anno fa del nostro centro un unico grande palcoscenico pieno di allegria, voglia di divertirsi e di imparare attraverso l’arte, il teatro e la cultura. La Rassegna è un vero e proprio vanto per la nostra comunità, in quanto riesce a coniugare svariate sfaccettature della realtà sociale tutte unite da un unico filo conduttore: quello di continuare a inseguire il sogno, che sempre più spesso si trasforma in realtà, di superare gli stereotipi che troppo spesso macchiano le nostre terre. Per questo non possiamo anche quest’anno non fare un plauso agli ideatori, Iorio, Barbato e Iavazzo, che ci stanno facendo vivere tanti momenti davvero significativi e intrinsechi di valore”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico