Orta di Atella

Pdl: “Orta ha bisogno di un sindaco della gente”

 ORTA DI ATELLA. Il coordinamento cittadino ed il gruppo consiliare del Pdl esprimono piena solidarietà ai colleghi dell’opposizione, Salvatore Del Prete e Giuseppe Roseto, per le accuse diffamatorie rifilate da Vincenzo Russo.

L’opposizione, in quanto tale, ha solo evidenziato un evidente omissione degli organi preposti senza strumentalizzare come riferisce qualcuno. “Sarò il sindaco di tutti”, diceva durante la campagna elettorale, usando un’espressione senz’altro seducente e di per sé anche piena di significati positivi come slogan per acchiappare qualche voto in più. Rivolgiamo un appello ai neo consiglieri di maggioranza, all’aggiunto consigliere Espedito Ziello che, tenuti all’oscuro di ciò che abbiamo denunciato, non riescono a capire ancora che la strada da seguire è diversa.

Il Comune è alla deriva, il sindaco ci ha condotti a questo disastro ed ora tace. Chiediamo le sue dimissioni perché possa fare spazio ad altri più capaci amministratori. Invitiamo i cittadini a prendere coscienza del degrado e dell’immobilismo che questa forza di governo sta inesorabilmente regalando al nostro territorio e di dare forza alla nostra azione che avrà come unico obiettivo l’interesse dell’intera collettività. La minoranza non ha paura a denunciare tutto! Governare non significa solo dare incarichi a destra e a sinistra! Notiamo, tuttavia, che dopo la nostra decisione è iniziata una campagna, e non fa onore a chi la porta avanti, per convincere qualche consigliere a fare il salto di tradimento del proprio elettorato. Ciò non avverrà con i consiglieri di opposizione Domenico Damiano, Carlo Cioffi, Stefano Minichino, Guido Ermanno, Salvatore Del Prete e Giuseppe Roseto, pur sapendo che saremo mirino di diffamazione subdola e inveritiera.

Ad Orta di Atella, dopo le ultime vicende di scioglimento, dopo l’umiliazione dello scempio ambientale, ove i cittadini aspettano risposte concrete con la spada di Damocle sulla loro vita per le recenti sentenze di abbattimento, il gruppo Pdl pensa che sia importante avere soprattutto un “sindaco della gente” e cioè sindaco delle singole persone, ciascuna delle quali, con i suoi bisogni, materiali e non, le sue aspirazioni, progetti di vita e di socialità, si attende dal Comune una mano, un aiuto, un sostegno economico e anche morale. Pensiamo che un “sindaco della gente” non debba mai chiudere le porte del municipio ed essere a disposizione dei cittadini tanto lui di persona, quanto i suoi assessori e i funzionari del Comune. Pensiamo che il “sindaco della gente” non debba pavoneggiarsi in giro, non debba spendere i soldi di tutti per favorire gli amici degli amici, ma perseguire con integrità morale il bene comune, una persona capace di ricostruire un’amministrazione realmente al servizio della gente e in primo luogo dei più bisognosi e dei più svantaggiati, preparata per la difficile ma necessaria impresa di restituire dignità e sicurezza al popolo ortese.

Sindaco, si faccia carico di modificare i tempi di risposta dei consiglieri da 5 minuti a 15, con diritto di replica, e vedremo l’opposizione se regge il confronto. Ma sappiamo che non lo farà e pertanto la possiamo solo invitare a governare Orta di Atella concretamente, dando risposte vere e se non si è grado politicamente di reggere il passo faccia la cosa più naturale che ci sia ovvero ritornare al voto nel più breve tempo possibile.

Il gruppo consiliare del Pdl ha sempre avuto un comportamento serio e responsabile, in questi mesi ha dichiarato pubblicamente di guardare con molta più attenzione gli atti amministrativi che avesse prodotto la nuova Giunta, e confermando per dovere d’informazione che è deciso a rimanere tra le forze di opposizione e che ogni mutamento del quadro politico deve passare attraverso le elezioni comunali.

I consiglieri del Pdl Damiano, Cioffi, Minichino, Ermanno

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico