Gricignano

Cooperative, Libera: “Pd e Udc rispondano alle nostre domande”

Libera GricignanoGRICIGNANO. Il circolo politico “Libera Gricignano” torna sulla vicenda della vendita della nuda proprietà dei terreni Peep situati nei pressi della Us Navy, chiesta al Comune dalla società “Gricignano 7”, che ha costruito le “cooperative” in diritto di superficie.

E lo fa riproponendo ai partiti dell’ex maggioranza consiliare sciolta per infiltrazioni camorristiche, Pd e Udc, i quesiti posti nelle scorse settimane: “I rappresentanti di Pd e Udc, – dicono da Libera – tra cui diversi ex assessori e consiglieri della ‘sciolta’ maggioranza, fino ad oggi non hanno ancora risposto alle nostre domande sulla vicenda delle cooperative. Domande che sembrano voler ignorare, limitandosi ad una sterile autodifesa, e che rifacciamo auspicando delle risposte, non solo a noi, ma all’intera cittadinanza, che ha il sacrosanto diritto di sapere”.

Eccole domande:

1) “Le ‘carte ufficiali’ di cui ha parlato il Pd in un comunicato stampa sono le stesse di cui è in possesso l’ex consigliere comunale e nostro socio fondatoreAntimo Verde? O sono diverse? A tal proposito, ribadiamo che se esistono altre ‘versioni’ il dottor Verde è pronto a presentare denuncia alle autorità. E ribadiamo, inoltre, che le ‘carte’, quando si parla di delibere e atti amministrativi, sono documenti pubblici, di cui ha diritto di venire a conoscenza l’intera comunità, mentre finora sono stati considerati ‘atti privati’ dagli ex amministratori. Contrariamente a quanto fa oggi la commissione straordinaria, che pubblica on line, sul sito del comune, finanche le pubblicazioni di matrimonio”.

2) Perché non è stata revocata la delibera di Consiglio del 4 novembre 2008 con cui si manifestava la ‘volonta politica’ di vendere la nuda proprietà dei terreni,ritenendola necessaria a fronte di un presunto ‘dissesto finanziario’ del Comune, poi ‘miracolosamente’ rientrato? Non è stata revocata per mancanza di tempo o di volontà?

3) La delibera la ritengono ‘scaduta’ o no, visto che la società ‘Gricignano 7’, con nota del 6 marzo 2009, non aveva ritenuto di aderire alla proposta, utilizzandola comunque per partecipare alla gara di Napoli?

4) All’epoca sono state predisposte misure per far fronte all’impatto sociale di queste centinaia di nuovi abitanti (scuole, servizi, viabilità, etc.)? Infatti, allo stato attuale, i nostri istituti, sia il Comprensivo che la Direzione Didattica, sono già al collasso per carenza di aule. Come l’ex amministrazione come pensava di ricevere ulteriori centinaia di studenti? Parliamo, non a caso, di 156 famiglie.

5) Pd e Udc, e nel complesso l’ex maggioranza, ritiengono ancora di voler cedere quei terreni, o no?”.

Infine, Libera sottolinea: “La commissionestraordinaria che sta governando il Comune di Gricignanonon ha espresso alcuna volontà, sta semplicemente dando seguito a quanto deliberato dagli ex amministratori. E comunque andranno le cose, vendita o non vendita, la responsabilità dell’operazione, non solo politica, sarà unicamente della ex maggioranza”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico