Castel Volturno - Cancello ed Arnone

Immigrati, delegazione tedesca a Castel Volturno

 CASTEL VOLTURNO. Il sindaco Antonio Scalzone, con gli assessori Sorrentino, Luise, De Crescenzo ed il presidente del Consiglio, ha ricevuto una delegazione di Berlino-Neukolln, …

… distretto della capitale tedesca di circa 312mila abitanti e una quota di immigrati estremamente alta, circa 150mila persone, prevalentemente provenienti dalla Turchia e dai Paesi Arabi, a cui si aggiungono ad altre 137 etnie che hanno grosse difficoltà di integrazione.

La delegazione tedesca era guidata dall’addetto al Consolato della Germania Federale, Konrad Brunger, e composta dal sindaco Buschkowsy, dall’assessore comunale all’istruzione Giffey, dal giudice minorile Racke, dal giornalista del quotidiano “Berliner Zeitung Morgenpost” e dal referente circoscrizionale all’integrazione degli immigrati Mengelkoch, i quali, dopo un incontro in Regione Campania, hanno voluto raggiungere la città di Castel Volturno per avere un scambio di opinioni con l’amministrazione comunale circa la situazione degli immigrati sul territorio.

Il sindaco Scalzone ha spiegato l’enorme difficoltà dell’amministrazione a far quadrare i bilanci, dovendo far fronte all’enorme spesa pubblica che comporta la massiccia presenza di immigrati, poiché spesso diventa un problema persino garantire i servizi essenziali quali mensa, trasporto scolastico, custodia dei minori, sia agli immigrati che ai cittadini italiani meno abbienti. Il primo cittadino ha sottolineato la presenza di circa 15mila immigrati clandestini che purtroppo non riescono a trovare lavoro, e quando lo trovano sono sfruttati e sottopagati, e che spesso diventano manovalanza di organizzazioni criminali. Inoltre, Scalzone ha manifestato la difficoltà di risolvere dal basso e con poche risorse a disposizione il fenomeno.

La delegazione tedesca ha tuttavia riscontrato sul posto una situazione meno drammatica di come viene dipinta dall’esterno e dai mass-media. Una situazione simile a quella del loro territorio, esprimendo la volontà di continuare nel tempo un continuo scambio di opinioni riguardante un problema non solo nostrano ma comune a tutti i paesi industrializzati.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico