Caserta

Novamont, Zinzi incontra rappresentante dell’azienda

Zinzi e Di StefanoCASERTA. Nella sede della Provincia di corso Trieste, il presidente Domenico Zinzi ha incontrato Andrea Di Stefano, responsabile Affari Istituzionali della Novamont, l’azienda che fa parte del Consorzio “Socratis”, …

… partner privato di Governo e Regione nell’attuazione dell’accordo di programma che prevede la reindustrializzazione dell’area ex 3M di San Marco Evangelista. E proprio l’accordo di programma è stato l’argomento dell’incontro tra il presidente Zinzi e Di Stefano. Il presidente Zinzi ha preso atto che l’investimento inizialmente previsto a San Marco Evangelista (dal valore di 47 milioni di euro) sarà realizzato a Porto Torres e a settembre, grazie all’impegno assunto dalla Regione Sardegna, ci sarà la posa della prima pietra dello stabilimento realizzato dalla joint venture Eni-Novamont.

Nell’area ex 3M di San Marco Evangelista la Novamont avrebbe prodotto il monomero utilizzato per il polimero biodegradabile, con il quale si realizzano i sacchetti per la spesa, i sacchetti per la raccolta differenziata, in ossequio alle nuove normative entrate in vigore il 1° gennaio scorso. Inoltre, l’azienda avrebbe utilizzato terreni “no food” facenti parte delle aree ancora da bonificare. Ciò al fine di produrre oli da impiegare nella produzione del monomero.

Al presidente Zinzi Novamont ha confermato che intende restare socio del Consorzio Socratis e svilupperà, in collaborazione con l’Università “Federico II” di Napoli, la facoltà di Biotecnologie della Seconda Università, Cnr e Circc (Consorzio Interuniversitario Reattività Chimica) un’attività di ricerca nell’area ex 3M che, però, avrà un impatto occupazionale molto ridotto rispetto al progetto ormai approdato in Sardegna. Novamont poi, ha ribadito al presidente Zinzi la disponibilità ad investire in provincia di Caserta.

“Esprimo profondo rammarico – ha spiegato il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi – per l’epilogo di questa vicenda. La provincia di Caserta ha perso una grande opportunità di sviluppo e di occupazione. Di questa situazione non è responsabile Novamont, ma chi, dal 2008 ad oggi, avrebbe dovuto creare le condizioni per l’attuazione dell’intero accordo di programma nell’area ex 3M di San Marco Evangelista”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico